giovedì, 13 agosto 2020 Ultimo aggiornamento il 7 agosto 2020 alle ore 10:40

Quando l’Università allontana i suoi luminari: il caso del professor Crisanti

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

Dichiarato decaduto nel 2015 per via di un doppio incarico, il docente di microbiologia è stato riammesso (ma senza stipendio) dal Consiglio di Stato. Sulla vicenda l’ombra di un conflitto tra rettori.

 
Quando l’Università allontana i suoi luminari: il caso del professor Crisanti
Perugia.  Il nome di Andrea Crisanti, luminare nel campo della ricerca medica, è salito agli onori della cronaca locale per ben due volte in tempi recenti. La prima nel giugno 2014, quando, grazie al lavoro del suo team nelle strutture dell’Università di Perugia, ha presentato al mondo intero i risultati di una ricerca in grado di debellare la malaria (ottenuti manipolando geneticamente le zanzare responsabili della trasmissione della malattia). La seconda, a distanza esatta di un anno, per una faccenda più spinosa: il professore era stato dichiarato decaduto dal suo incarico di ordinario di Microbiologia presso il Dipartimento di Medicina Sperimentale perché l’Università aveva “scoperto” che era titolare di un doppio incarico, risultando da diversi anni docente dell’Imperial College di Londra. Crisanti aveva subito annunciato ricorso in sede amministrativa.

La vicenda giudiziaria Dopo una battaglia giudiziaria ricca di colpi di scena e durata oltre due anni, il Consiglio di Stato ha messo la parola fine alla vicenda, ribaltando la decisione del Tar Umbria e annullando il provvedimento contestato. Nella sentenza, pubblicata lo scorso 17 luglio, i giudici hanno ritenuto che l’Ateneo perugino fosse a conoscenza da anni della situazione di doppio impiego (se ne parlava anche sulla pagina Wikipedia dedicata al prof); è emerso inoltre che Crisanti aveva fatto richiesta di aspettativa senza assegni (che significa: mantenere il posto di lavoro senza percepire né stipendio né contributi) più di due mesi prima di essere destinatario del decreto di decadenza. La mancata risposta dell’Università è stata considerata dal Consiglio di Stato come silenzio-assenso e, di conseguenza, il docente è stato reintegrato nel ruolo e collocato in aspettativa, come da sua richiesta.

Gli interrogativi Rimane da capire come mai per tanto tempo l’Università abbia fatto finta di nulla riguardo al doppio incarico di Crisanti (ipotesi per la quale comunque – giova dirlo – non vige un divieto assoluto, dato che la legge contempla diverse eccezioni) per poi attivarsi tutt’a un tratto. Si parlò di paura di possibili sanzioni da parte della Corte dei Conti, ma sta di fatto che il decreto rettorale di decadenza rappresenta un’unicum nella storia recente dell’Ateneo perugino.

I retroscena Da tempo nell’ambiente universitario si vociferava però di un rapporto tutt’altro che idilliaco tra Crisanti, considerato vicino all’ex rettore Francesco Bistoni (i due tra l’altro sono stati rinviati a giudizio a Terni, insieme ad altre persone, per la vicenda dei fondi Isrim), e l’attuale rettore Franco Moriconi. Un conflitto che sarebbe definitivamente uscito allo scoperto con la mancata approvazione, da parte del cda dell’Università, del bilancio 2014 del Polo d’Innovazione di Genomica, Genetica e Biologia (struttura inaugurata nel 2010 presso l’ex Silvestrini di cui Crisanti è fondatore e direttore scientifico) e con la volontà manifestata da Palazzo Murena di uscire dalla compagine sociale del Polo.

I commenti Una situazione confermata dall’attuale amministratore delegato del Polo Ggb, Greta Immobile Molaro: “Con la nuova governance dell’Università sicuramente c’è stato un cambio di rotta”. E così la sede legale si è nel frattempo spostata a Siena, questo perché “avvertivamo la necessità di cambiare l’aria intorno”. Anche se l’ad ha comunque voluto precisare che “la nostra attività di ricerca va avanti, a Siena, come a Perugia e a Terni, dove è stata da poco inaugurato un nuovo laboratorio”. Ciò significa che la collaborazione con l’Università di Perugia è tuttora in piedi (per la cronaca, il progetto “Target Malaria”, finanziato dalla Bill & Melinda Gates Foundation va avanti anch’esso e nel giro di circa tre anni è previsto il rilascio delle prime zanzare ogm nelle zone malariche dell’Africa). Nè il prorettore Fabrizio Figorilli, né i responsabili dell’ufficio legale dell’Ateneo perugino hanno voluto invece rilasciare dichiarazioni sul caso.

La conferenza stampa Probabilmente potrà fornire nuovi spunti di discussione lo stesso professor Crisanti che, dopo essere rimasto in silenzio per tutto questo tempo, ha convocato una conferenza stampa per venerdì 28 luglio, alle ore 11.30, presso la sede perugina del Polo di Genomica. Un appuntamento in cui pare voglia togliersi diversi sassolini dalle scarpe.

Tag dell'articolo: .

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

COMMENTI ALL'ARTICOLO

DISCLAIMER - La redazione di Perugia Online non effettua alcuna censura dei commenti, i quali sono sottoposti ad approvazione preventiva solo per evitare ingiurie, diffamazioni e qualsiasi altro messaggio che violi le leggi vigenti. Siete pregati di non inserire commenti anonimi e di non ripetere più volte lo stesso commento in attesa di moderazione. Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile civilmente e penalmente del suo contenuto. Perugia Online si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia commento che manifesti toni, espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi. I commenti scritti su Perugia Online vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (IP, E-Mail, etc.). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Perugia Online non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.
Scroll To Top