lunedì, 14 ottobre 2019 Ultimo aggiornamento il 11 ottobre 2019 alle ore 17:19

Caro vecchio Minimetrò…

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

Un'opera incompleta oltre che particolarmente esosa per le casse comunali. Un articolo apparso online sul sito de Il Fatto quotidiano ricorda i costi e le problematiche della metropolitana leggera costruita nel 2008

 
Caro vecchio Minimetrò…
Perugia. Tutti contro il Minimetrò. Il sistema di trasporto automatico costruito tra il 2002 e il 2008, quando la città era amministrata dalla giunta Locchi, continua a far parlare di se. E non certo bene. Un articolo apparso ieri sul sito internet de Il Fatto quotidiano porta di nuovo alla luce tutta una serie di polemiche che non hanno mai abbandonato la “metropolitana leggera” sin dall’inaugurazione.

I costi – Il Minimetrò avrebbe dovuto rivoluzionare il sistema di trasporto cittadino ma in realtà, ricorda il Fatto, ancora oggi viene utilizzato dalla metà dei passeggeri previsti. O, meglio, dalla metà dei passeggeri che avrebbero dovuto usufruirne per ripagarne i costi. Pagato 103 milioni di euro, 32 in più di quanto preventivato, secondo Il Fatto “il Comune di Perugia ogni anno paga circa 10 milioni di euro per la manutenzione. Una cifra difficile da sostenere in una città che da tempo, per affrontare tutte le spese previste, ricorre ad anticipi di tesoreria, l’ultimo dei quali quantificato nel 2013 in 22 milioni di euro”.

Opera incompleta – Ma non sono solo i costi a far discutere. In realtà il Minimetrò è una delle 17 opere incompiute dell’Umbria, come risulta dall’elenco stilato dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti. Il percorso coperto dalla metropolitana è di appena 3 km e sette fermate. La seconda tratta, prevista nel progetto iniziale, non è mai stata avviata.

Le spese del Comune – Come ricorda il giornale, da sei anni il Minimetrò grave sulle finanze comunali. Nel 2014 oltre ai quasi 8 mila euro spesi per il servizio come previsto dal contratto con la società di gestione, il Comune dovrà sborsare un’ulteriore cifra per riequilibrare i minori incassi da bigliettazione. Perugia, secondo Euromobility, è al terzo posto tra le città italiane sopra i centomila abitanti con più automobili pro capite: 69,5 auto ogni 100 abitanti, contro la media europea di 48 e quella italiana di 58,4. Il problema, secondo molti, non è tanto il Minimetro come mezzo di trasporto e i costi, quanto la funzionalità in una città come Perugia.

Qui l’articolo completo de Il Fatto quotidiano

 

 

 

Tag dell'articolo: , , , , .

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

COMMENTI ALL'ARTICOLO

DISCLAIMER - La redazione di Perugia Online non effettua alcuna censura dei commenti, i quali sono sottoposti ad approvazione preventiva solo per evitare ingiurie, diffamazioni e qualsiasi altro messaggio che violi le leggi vigenti. Siete pregati di non inserire commenti anonimi e di non ripetere più volte lo stesso commento in attesa di moderazione. Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile civilmente e penalmente del suo contenuto. Perugia Online si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia commento che manifesti toni, espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi. I commenti scritti su Perugia Online vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (IP, E-Mail, etc.). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Perugia Online non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.
Scroll To Top