venerdì, 9 dicembre 2022 Ultimo aggiornamento il 28 novembre 2022 alle ore 01:03

Emergenze, arriva la nuova app del 118 per la geolocalizzazione immediata

Disponibile per Android e a breve anche per iOS, vuole garantire maggiore rapidità negli interventi di soccorso. L'Umbria è la seconda regione a dotarsene, dopo la Lombardia.

 
Emergenze, arriva la nuova app del 118 per la geolocalizzazione immediata
Perugia. È stata presentata stamattina (venerdì 3 giugno) presso la sala Rita Levi-Montalcini del Creo la nuova app Help Gps 118 Umbria soccorso, che permetterà la geolocalizzazione immediata degli utenti che contatteranno il servizio di emergenza. A presentarla, l’assessore regionale all’Agenda Digitale Antonio Bartolini e, in rappresentanza dell’Azienda Ospedaliera di Perugia, il direttore generale Emilio Duca, il direttore del servizio informatico Piero Rosi e l’addetto stampa Mario Mariano, i quali ricordano il contributo dell’assente Mario Capruzzi, direttore della centrale operativa unica regionale del 118 sostituito oggi da Giampaolo Doricchi.

La app – L’applicazione, disponibile per Android e a breve anche per iOS, è installabile gratuitamente a seguito di una breve registrazione. Essa fornirà immediatamente le coordinate del dispositivo dal quale si contatti il servizio di emergenza e potrebbe dimostrarsi estremamente utile in tutti quei casi in cui la chiamata al 118 arrivi da luoghi particolarmente sperduti e/o impervi. “Mi viene da fare l’esempio di Pino Daniele – afferma Duca – chissà che una tecnologia del genere non avesse potuto salvargli la vita”. Il prossimo passo sarà l’installazione di un congegno “gemello” sui navigatori delle ambulanze.

L’evoluzione digitale – L’Umbria è la seconda regione d’Italia a dotarsi di un’app del genere, dopo la Lombardia. In generale, il polo ospedaliero perugino è molto avanti nello sviluppo delle tecnologie digitali, potendo contare su diversi servizi di questo tipo – che permettono ad esempio la prenotazione o la refertazione online – senza tuttavia pregiudicare le possibilità di accesso tradizionali.

“Un diritto fondamentale” – A tale proposito Bartolini dichiara: “Il diritto di accesso al digitale è un diritto fondamentale, che andrebbe costituzionalizzato”. L’assessore ammette poi la necessità di procedere con una “alfabetizzazione digitale” rivolta soprattutto agli over 65, a maggior ragione per quello che riguarda l’ambito sanitario, e conclude dicendosi convinto che “l’installazione della banda ultralarga, per la quale i lavori di Enel e Telecom sono a buon punto, renderà Perugia un punto di riferimento per tutta Italia”.

 

Tag dell'articolo: , , , .

COMMENTI ALL'ARTICOLO

DISCLAIMER - La redazione di Perugia Online non effettua alcuna censura dei commenti, i quali sono sottoposti ad approvazione preventiva solo per evitare ingiurie, diffamazioni e qualsiasi altro messaggio che violi le leggi vigenti. Siete pregati di non inserire commenti anonimi e di non ripetere più volte lo stesso commento in attesa di moderazione. Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile civilmente e penalmente del suo contenuto. Perugia Online si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia commento che manifesti toni, espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi. I commenti scritti su Perugia Online vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (IP, E-Mail, etc.). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Perugia Online non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.
Scroll To Top