domenica, 25 febbraio 2024 Ultimo aggiornamento il 23 febbraio 2024 alle ore 10:44

Perugia, spacciatore tunisino rimpatriato dai poliziotti

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

L'uomo era stato arrestato più volte per spaccio di eroina, ma aveva ritardato l'espulsione inoltrando istanza di protezione internazionale: rigettata questa, la misura ordinata dal magistrato è stata eseguita.

 
Perugia, spacciatore tunisino rimpatriato dai poliziotti
Perugia. Un altro  spacciatore ha lasciato la città per essere rimpatriato (in Tunisia), grazie all’operato degli agenti dell’Ufficio Immigrazione.

Lo spacciatore – J.A., queste le sue iniziali, aveva 36 anni e risiedeva a Perugia da sette: aveva la sua base operativa in centro storico, in zona San Francesco al Prato. Per anni l’uomo ha tenute impegnate le forze di polizia che lo hanno fermato più volte: nel 2011, ad esempio, la squadra mobile lo arrestò in possesso di 150 dosi di eroina.

Espulsione già decisa – Per tale reato era stato immediatamente condannato nel 2011 e il magistrato di sorveglianza aveva disposto la sua espulsione al termine del periodo detentivo in carcere. Tale espulsione però non venne eseguita – nonostante la Questura lo avesse rintracciato e trasferito ad un C.I.E. – perché l’uomo aveva inoltrato istanza di protezione internazionale, riferendo che in patria sarebbe stato vittima di persecuzioni. Nel frattempo ha continuato a spacciare in città, subendo altri due arresti. Attualmente stava completando di scontare la sua pena nell’abitazione della sua giovane convivente italiana, in centro storico.

Il rimpatrio – L’Ufficio Immigrazione da tempo aspettava che cessassero gli impedimenti al suo allontanamento dal territorio nazionale: proprio in questi giorni l’uomo ha concluso il suo periodo detentivo e la sua istanza di asilo internazionale è stata rigettata. Così l’altro ieri (giovedì 2 giugno) la squadra mobile lo ha localizzato e accompagnato in Questura. Egli è stato dunque forzatamente accompagnato da due squadre di poliziotti dell’Ufficio Immigrazione: una che lo ha scortato fino a Fiumicino ed una, specializzata nei servizi internazionali, che è salita con lui a bordo dell’aereo diretto a Tunisi e lo ha consegnato alla Polizia locale.

 

 

 

Tag dell'articolo: , , , .

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

COMMENTI ALL'ARTICOLO

DISCLAIMER - La redazione di Perugia Online non effettua alcuna censura dei commenti, i quali sono sottoposti ad approvazione preventiva solo per evitare ingiurie, diffamazioni e qualsiasi altro messaggio che violi le leggi vigenti. Siete pregati di non inserire commenti anonimi e di non ripetere più volte lo stesso commento in attesa di moderazione. Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile civilmente e penalmente del suo contenuto. Perugia Online si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia commento che manifesti toni, espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi. I commenti scritti su Perugia Online vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (IP, E-Mail, etc.). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Perugia Online non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.
Scroll To Top