martedì, 20 novembre 2018 Ultimo aggiornamento il 5 novembre 2018 alle ore 22:19

Impronte digitali per contrastare i furbetti del cartellino, Squarta lancia la proposta

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

Il consigliere regionale di Fratelli d'Italia annuncia la presentazione di una mozione: "Solo in questo modo verrebbero definitivamente scongiurati episodi di assenteismo".

 
Impronte digitali per contrastare i furbetti del cartellino, Squarta lancia la proposta
Regione Umbria.  “Registrare la presenza dei dipendenti pubblici sul posto di lavoro mediante le impronte digitali”: è quanto propone, attraverso una mozione da discutere in Assemblea legislativa, di cui annuncia la presentazione, il capogruppo regionale di Fratelli d’Italia, Marco Squarta. “Solo in questo modo – spiega – verrebbero definitivamente scongiurati episodi di assenteismo. Il badge è utile, ma le cronache, anche recenti, hanno dimostrato che troppo spesso il cartellino viene fatto timbrare dal collega che registra la presenza di un lavoratore in realtà assente”. Secondo Squarta, “con il lettore biometrico dattiloscopico che rileva l’impronta e, in forma protetta, la mette a confronto con quella memorizzata al momento dell’assunzione, si avrebbe la certezza della presenza di funzionari e impiegati di enti locali nei palazzi pubblici, ma anche di medici, infermieri e amministrativi negli ospedali e distretti sanitari”.

Per Squarta “la timbratrice a impronte digitali non deve essere considerata in alcun modo una schedatura, in quanto il sistema elettronico si limiterebbe ad incrociare i dati anagrafici scritti sul badge con il polpastrello del titolare. La pratica della timbratrice biometrica, già attiva in Italia – precisa il capogruppo FdI – non offende in alcun modo i dipendenti onesti ed irreprensibili ma, al contrario li tutela, inibendo però i ‘furbetti del cartellino’ dallo scambiarsi il badge con qualche collega compiacente, al quale prima o poi potrebbe essere restituito l’illecito favore”.

Tag dell'articolo: , .

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

COMMENTI ALL'ARTICOLO

DISCLAIMER - La redazione di Perugia Online non effettua alcuna censura dei commenti, i quali sono sottoposti ad approvazione preventiva solo per evitare ingiurie, diffamazioni e qualsiasi altro messaggio che violi le leggi vigenti. Siete pregati di non inserire commenti anonimi e di non ripetere più volte lo stesso commento in attesa di moderazione. Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile civilmente e penalmente del suo contenuto. Perugia Online si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia commento che manifesti toni, espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi. I commenti scritti su Perugia Online vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (IP, E-Mail, etc.). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Perugia Online non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.
Scroll To Top