lunedì, 18 ottobre 2021 Ultimo aggiornamento il 4 ottobre 2021 alle ore 16:18

In Umbria nel 2014 calo di incidenti stadali, meno morti e feriti rispetto al 2013

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

Dati emersi dal rapporto Aci Istat presentato a Roma e in linea con tendenza nazionale. Ruggero Campi: "Centrale la formazione automobilistica che deve iniziare dalla scuola"

 
In Umbria nel 2014 calo di incidenti stadali, meno morti e feriti rispetto al 2013
Regione Umbria.  Sono stati 2.258 gli incidenti in Umbria nel 2014 con 47 morti e 3.296 feriti. In particolare 1.591, con 29 morti e 2.315 feriti, quelli nella provincia di Perugia e 667, con 18 morti 981 feriti, nel Ternano. Dati relativamente positivi se si guarda al 2013 quando i sinistri sono stati 2.402 con 61 morti e 3.447 feriti. Numeri che emergono dal rapporto annuo Aci Istat sugli incidenti stradali presentato martedì 3 novembre a Roma. Nella regione la variazione percentuale nel periodo 2010-2014 è del 40,5 per cento in meno a riprova   ha commentato Ruggero Campi, presidente dellAutomobile club di Perugia  che le politiche di prevenzione nella quali Aci Umbria è stato in prima fila hanno dato ottimi risultati. Campi nel sottolineare come tutti possono fare qualcosa per migliorare le tristi statistiche ha ribadito la centralità della formazione dellautomobilista che inizia a scuola con la consapevolezza del rispetto degli altri e si perfeziona con il conseguimento della patente e la frequentazione di corsi di guida sicura. LUmbria   ha concluso Campi  può favorire percorsi formativi virtuosi grazie anche alla presenza dellAutodromo dellUmbria. I dati umbri sono in linea con la tendenza di quelli nazionali. Sono in calo, infatti, in Italia, rispetto al 2013, i sinistri stradali, i morti, sia pur molto lievemente, e i feriti, ma sono in deciso aumento le vittime negli incidenti in città dove si registra un aumento del 5,4 per cento. In totale nel 2014 si sono registrati nel Paese 177.031 incidenti stradali, rispetto ai 181.660 del 2013, che hanno causato 3.381 decessi e 251.147 feriti contro 3.401 morti e i 258.093 feriti dellanno precedente. Lindice dei decessi è sceso dello 0,6 per cento e il dato è in linea con la media europea. A livello nazionale, nei centri urbani si concentrano il 75,5 per cento degli incidenti e il 44,5 per cento dei morti. Torna a crescere il numero delle vittime tra i pedoni con 578 morti, il 4,9 per cento in più rispetto al 2013, e tra i ciclisti con un più 8,8 per cento. La fascia di età più a rischio resta quella compresa tra i 20 e 24 anni ma aumentano sensibilmente i decessi tra gli over 75 (11,1 per cento) e i bambini tra 0 e 14 anni (12,7 per cento). Distrazione (21,4 per cento), velocità elevata (17,3 per cento) e distanze di sicurezza non adeguate si confermano le prime cause di incidente sulle strade extraurbane, mentre in città è la mancata osservanza di precedenze e semafori rossi a causare incidenti (18,6 per cento), seguita da distrazione (15,4 per cento ) e velocità (9,2 per cento).

Tag dell'articolo: , , , .

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

COMMENTI ALL'ARTICOLO

DISCLAIMER - La redazione di Perugia Online non effettua alcuna censura dei commenti, i quali sono sottoposti ad approvazione preventiva solo per evitare ingiurie, diffamazioni e qualsiasi altro messaggio che violi le leggi vigenti. Siete pregati di non inserire commenti anonimi e di non ripetere più volte lo stesso commento in attesa di moderazione. Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile civilmente e penalmente del suo contenuto. Perugia Online si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia commento che manifesti toni, espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi. I commenti scritti su Perugia Online vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (IP, E-Mail, etc.). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Perugia Online non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.
Scroll To Top