venerdì, 17 settembre 2021 Ultimo aggiornamento il 9 settembre 2021 alle ore 14:27

Lavoro, raggiunto l’accordo tra Confartigianato e sindacati regionali

L'intesa, firmata oggi presso la sede della Cna a Perugia, stabilisce le linee guida per la contrattazione di secondo livello. I contraenti: "Favorite le relazioni reciproche, ora la politica rilanci l'occupazione"

 
Lavoro, raggiunto l’accordo tra Confartigianato e sindacati regionali
Perugia. È stato siglato oggi (lunedì 9 maggio) presso la sede della Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa dell’Umbria il nuovo accordo quadro tra Confartigianato e i sindacati Cgil, Cisl e Uil sulla contrattazione di secondo livello. In rappresentanza degli artigiani erano presenti Roberto Giannangeli (direttore Cna Umbria), Roberta Datteri (vice presidente della stessa Cna) e Giuseppe Flamini (vice presidente vicario Confartigianato Imprese Umbria); in rappresentanza dei dipendenti sedevano invece i tre segretari confederali regionali di Cgil, Cisl e Uil: Vincenzo Sgalla, Ulderico Sbarra e Claudio Bendini.

L’accordo – La firma del documento permetterà di far partire su base regionale la contrattazione settoriale, che a quanto si apprende cercherà di adattarsi ai cambiamenti veloci del panorama del lavoro soprattutto promuovendo una maggiore flessibilità.  Accanto all’accordo-quadro, che stabilisce le linee guida a cui si atterranno tutti i contratti territoriali di settore, è stato firmato anche un avviso comune per l’applicazione del criterio di proporzionalità alle sanzioni irrogate ai dipendenti all’interno delle imprese; sono previste inoltre la creazione di un osservatorio specifico sui livelli di occupazione e Pil e il rafforzamento dell’Ente bilaterale dell’artigianato (Ebrau) che si concentrerà soprattutto sulla messa a punto di nuove forme di welfare.

Il ruolo della politica – L’accordo tuttavia – è questa la sensazione comune da parte dei disserenti – se potrà favorire un rafforzamento dei rapporti di collaborazione tra i proprietari delle Pmi e i propri dipendenti (superando il modello classico della concertazione), non porterà ricadute sui livelli occupazionali, almeno nel breve periodo. “Per quello c’è bisogno dell’aiuto della Regione, che passa anche attraverso il corretto utilizzo dei fondi europei” afferma Sbarra; “Il lavoro si può creare solo con gli investimenti” gli fa eco Giannangeli.

E Confindustria? – L’intesa rappresenta comunque un primo successo, tanto che c’è già chi auspica il raggiungimento di un accordo simile con la Confindustria regionale. “Lo speriamo – commenta in proposito Sgalla – qualcosa si sta muovendo, ma è presto per fare previsioni”: con l’ente degli industriali è infatti in piedi un discorso sul modello contrattuale, stavolta però sul livello nazionale.

Tag dell'articolo: , , , , , , .

COMMENTI ALL'ARTICOLO

DISCLAIMER - La redazione di Perugia Online non effettua alcuna censura dei commenti, i quali sono sottoposti ad approvazione preventiva solo per evitare ingiurie, diffamazioni e qualsiasi altro messaggio che violi le leggi vigenti. Siete pregati di non inserire commenti anonimi e di non ripetere più volte lo stesso commento in attesa di moderazione. Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile civilmente e penalmente del suo contenuto. Perugia Online si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia commento che manifesti toni, espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi. I commenti scritti su Perugia Online vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (IP, E-Mail, etc.). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Perugia Online non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.
Scroll To Top