lunedì, 14 ottobre 2019 Ultimo aggiornamento il 11 ottobre 2019 alle ore 17:19

Le opere salvate dal terremoto che ha colpito il centro Italia in mostra a Spoleto

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

Si è aperta ieri l'esposizione "Ospiti in Rocca", allestita nella sale del Museo nazionale del Ducato che ospita una prima raccolta di manufatti provenienti dai territori delle Marche, Lazio e Umbria.

 
Le opere salvate dal terremoto che ha colpito il centro Italia in mostra a Spoleto
Regione Umbria.  “Questa mostra, nei locali della Rocca degli Albornoz,  ci rimanda ad un sentimento di forza, di un’Umbria che con tenacia vuole ripartire e ci dice che questa terra sta in piedi. E le opere che qui sono ospitate ci raccontano dello straordinario lavoro di messa in sicurezza realizzato dalle donne e dagli uomini del sistema di protezione civile, dei carabinieri, dei vigili del fuoco, di tanti volontari, e delle strutture del Ministero dei beni culturali e delle Soprintendenze. Un lavoro che ha permesso di recuperare oltre 4000 opere che oggi sono custodite nella struttura della Regione, a Santo Chiodo di Spoleto”. È quanto affermato dalla presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, nel corso del suo intervento alla cerimonia di inaugurazione della mostra “Ospiti in Rocca” allestita nella sale del Museo nazionale del Ducato di Spoleto, che ospita una prima raccolta di opere provenienti dai territori delle Marche, Lazio e Umbria, colpiti dagli eventi sismici. La presidente Marini era accompagnata – tra gli altri  – dall’assessore regionale alla cultura Fernanda Cecchini, che ha voluto sottolineare il fatto che “la mostra rappresenta anche una testimonianza di solidarietà tra i territori che sono stati accomunati da un evento così doloroso”.

La prossima mostra A questo eventi ne seguirà un altro, ben più ampio per numero di opere che ospiterà, che sarà inaugurato il prossimo 7 aprile, dal titolo “Tesori della Valnerina”. La mostra è stata fortemente voluta dalla Regione Umbria “perché dopo la grande solidarietà che abbiamo ricevuto nei difficili giorni degli eventi sismici, ora vorremmo che, con altrettanta solidarietà, tornassero i turisti nella nostra regione. Il patrimonio artistico e monumentale – ha aggiunto Marini – è l’altro grande ferito di questi terremoti. L’impegno di tutti, dallo Stato alle Regioni interessate, ai Sindaci, alla Protezione civile nazionale e regionale, del Commissario straordinario, è di lavorare parallelamente per ultimare gli interventi e garantire ai cittadini una confortevole condizione residenziale e per avviare la ricostruzione privata e pubblica delle case e delle attività economiche, ma anche quella di tutto il patrimonio artistico, monumentale e religioso danneggiato dal sisma”. “Dobbiamo recuperare e restaurare questo patrimonio – ha proseguito la presidente – perché esso rappresenta la nostra identità e la nostra storia. Vorrei, infine, rassicurare tutti circa il fatto che le opere ora custodite nel deposito di Santo Chiodo saranno ovviamente restituite e ricollocate, dopo gli interventi di restauro e ricostruzione, nei luoghi di provenienza”.

Tag dell'articolo: , , .

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

COMMENTI ALL'ARTICOLO

DISCLAIMER - La redazione di Perugia Online non effettua alcuna censura dei commenti, i quali sono sottoposti ad approvazione preventiva solo per evitare ingiurie, diffamazioni e qualsiasi altro messaggio che violi le leggi vigenti. Siete pregati di non inserire commenti anonimi e di non ripetere più volte lo stesso commento in attesa di moderazione. Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile civilmente e penalmente del suo contenuto. Perugia Online si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia commento che manifesti toni, espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi. I commenti scritti su Perugia Online vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (IP, E-Mail, etc.). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Perugia Online non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.
Scroll To Top