lunedì, 18 ottobre 2021 Ultimo aggiornamento il 4 ottobre 2021 alle ore 16:18

E’ morto Sergio Piazzoli. L’Umbria perde un punto di riferimento per gli artisti.

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

Il noto organizzatore della stagione d'autore, di tutti i concerti più importanti di musica rock in Umbria è morto per un malore improvviso questa mattina.

 
Perugia. Immediatamente dopo che Piazzoli si è sentito male è stato chiamato il 118 ma la corsa in ospedale non è servita: si è spento prima di arrivare in ospedale.

Piazzoli creò la manifestazione Rock in Umbria negli anni ’70 con i più importanti artisti della scena mondiale.  Da quattro anni era impegnato nella sua ultima creazione, Music for Sunset, con inizio previsto il 18 giugno. L’Umbria perde un punto di riferimento per gli artisti e tutti gli appassionati di musica.

La notizia ha lasciato sbalordito tutti quelli che lo conoscevano. “Sergio – si legge nella nota della Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi – era una persona umile, gentile, fraterna e francescana nell’animo. I frati di Assisi hanno avuto più volte modo di lavorare con lui apprezzando la sua determinazione, la sua professionalità e la sua arte. Ricordiamo ancora quando accompagnò ad Assisi Bruce Springsteen e Patti Smith per una visita alla Basilica di San Francesco, nel corso della quale, le due rockstar americane, si raccolsero in preghiera davanti alla tomba del Santo, un momento di grande partecipazione emotiva che non dimenticheranno facilmente. I frati di Assisi ricordano Sergio nella loro preghiera a  San Francesco”.

Eugenio Guarducci: “Abbiamo perso un professionista unico che ha insegnato a tanti ad amare la musica e ad alcuni l’arte di organizzare ed ideare uno show. Grazie a Sergio abbiamo avuto una Perugia più bella. Lascia una grande eredità che sono sicuro sarà degnamente raccolta da coloro che sono stati fino ad oggi i suoi piu stretti collaboratori. Grazie Sergio per avermi regalato la tua amicizia.”

“Ci lascia il simbolo della musica rock e pop in Umbria, fondatore e promotore dei più importanti eventi della nostra regione, ma soprattutto ci lascia un amico che aveva fatto della passione per la musica la sua ragione di vita”. Sono le parole dell’on. Giampiero Giulietti, non appena appresa la notizia dell’improvvisa scomparsa di Sergio Piazzoli, notissimo organizzatore di eventi musicali, fondatore della Musical Box Eventi e ideatore di manifestazioni del calibro di Rockin’ Umbria. “La notizia della sua morte mi ha colto di sorpresa – ha dichiarato l’on. Giulietti – Mi tornano in mente i tanti momenti che ho condiviso con Sergio: con lui ho avuto occasioni di confronto e di scontro ma la passione per la musica e l’amore per la sua “Isola” erano unici. Ci lascia un amico e ci lascia un grande professionista, indiscusso punto di riferimento del panorama culturale e musicale dell’Umbria. Mi mancherà e mancherà a tanti”.

“Il mondo dello spettacolo e della cultura umbra perde un intelligente e vulcanico organizzatore ed io un caro amico di cui ho sempre apprezzato le grandissime doti umane e professionali. Ai suoi familiari e amici esprimo, anche a nome dell’Assemblea legislativa, profondo cordoglio e vicinanza”. Così il presidente dell’Assemblea legislativa dell’Umbria Eros Brega, che si dice “profondamente colpito e addolorato” per la morte improvvisa del manager dello spettacolo avvenuta stamani a Perugia. “Ho avuto modo di conoscere ed apprezzare Sergio Piazzoli quando svolgevo l’incarico di assessore alla cultura del Comune di Terni – ha detto il presidente Brega -, di lui mi colpì subito la grande professionalità e sensibilità per una cultura alta e di qualità ma anche popolare, capace di coinvolgere e appassionare. Il suo grande calore umano e la naturale simpatia fecero poi sì che si stabilisse tra noi un rapporto di amicizia  durato fino ad ora”.

(Avi News): “Oggi è morto Segio Piazzoli, anima, testa e cuore della Musical Box Eventi, organizzatore di grandi manifestazioni in Umbria e di fortunati cartelloni musicali tra cui la Stagione della musica d’Autore, Gli incatevoli e, tra gli ultimi nati, Rock in Umbria e Music for sunset. La nostra agenzia perde uno stretto collaboratore e amico con il quale ha lavorato per più di dieci anni. Lo ringraziamo per la sua professionalità, per aver portato grandi nomi della musica in Umbria e per aver creduto in tanti artisti emergenti a cui ha regalato la possibilità di farsi conoscere”.

Valeria Cardinali: “La morte improvvisa di Sergio Piazzoli è una notizia davvero terribile che mi addolora profondamente. Una perdita che colpisce tutta la città di Perugia e non solo. Punto di riferimento importante per la cultura, in particolare per il mondo della musica, geniale ideatore e organizzatore di eventi, ma soprattutto persona di straordinaria generosità, di una irresistibile simpatia, un amico sempre presente per tanti…. Sergio lascia un vuoto incolmabile per chi lo ha conosciuto direttamente e per chi lo ha potuto apprezzare attraverso il suo lavoro e le belle emozioni che ci ha regalato. Quando lo incontravo, nel salutarmi mi abbracciava e sorridendo mi diceva sempre “sei forte”!
Il suo sorriso e il suo ultimo abbraccio di qualche sera fa che mi accompagneranno per sempre. Ciao Sergino…”

La deputata democratica Anna Ascani si unisce al cordoglio della città di Perugia per la perdita prematura di Sergio Piazzoli. “Oggi la città di Perugia” – dichiara Ascani “ha avuto un brutto risveglio, avendo perso tragicamente un suo cittadino che ha dato grande lustro a tutta la nostra terra.” “Mi unisco al cordoglio della città” – continua Ascani “e al ricordo della preziosa opera di Sergio Piazzoli, che nel corso degli anni ha portato sui palchi umbri il meglio della musica internazionale, con uno spirito di avventura e ricerca che lo ha reso perennemente giovane.” “Tra pochi giorni” – conclude Ascani “si svolgerà la nuova edizione della sua ultima creatura: Music For Sunset, l’ambientazione della magnifica cornice dell’Isola Polvese, nel Trasimeno, con suoni, arti visive e parole. I tramonti del Trasimeno quest’anno ci faranno ricordare quanto Sergio Piazzoli ha fatto per la propria terra.”

“L’Umbria deve a Sergio Piazzoli una  specifica formazione culturale nel campo dei generi musicali contemporanei. Grazie a lui a Perugia ed in Umbria sono passati artisti di caratura nazionale ed internazionale”. Così il consigliere regionale Massimo Monni (Nuovo centrodestra) che,  nell’esprimere  ai suoi familiari ed amici profondo cordoglio e vicinanza, sottolinea come la sua scomparsa “lascia un vuoto enorme anche come amico,  e non solo come grande professionista”. “Piazzoli – conclude Monni – con la sua grande passione per la musica, la sua mente brillante e le sue notevoli doti umane caratterizzate da una innata sensibilità e naturale simpatia,  lascia un’eredità  di alto livello culturale, nel campo della musica, a tutta la regione”.

“La scomparsa improvvisa e prematura di Sergio Piazzoli desta grande sgomento. Se ne va un grande regista dello spettacolo e della cultura che ci ha fatto divertire e sognare. Grazie Sergio” E’ il testo che il Presidente della Provincia di Perugia, Marco Vinicio Guasticchi ha twittato non appena appresa la notizia che ha gettato, il mondo culturale dell’Umbria e non solo, nel più profondo dolore. “Sono indimenticabili – aggiunge Guasticchi – i tanti eventi culturali organizzati dalla Provincia con Sergio. In particolare ricordo con nostalgia i concerti a Villa Fidelia che tanto pubblico hanno richiamato. Con lui se ne va un pezzo di storia della musica che dagli anni Settanta ha animato l’Umbria. Il 18 giugno avrebbe preso il via Music for Sunset, la sua ultima creazione di cui andava giustamente fiero. Sono vicino alla famiglia in questo momento di grande dolore consapevole che con lui se ne va non solo un personaggio della cultura, ma anche una persona di grande umanità”.

“Apprendo con dispiacere la notizia della scomparsa di Sergio Piazzoli, uomo che ha fatto molto per la cultura di Perugia e dell’Umbria tutta”. Queste le parole di Andrea Romizi in merito alla morte, avvenuta questa mattina, di Piazzoli fondatore ed ideatori di grandi eventi. “Grazie a lui in Umbria si sono esibiti i più grandi nomi della musica nazionale ed internazionale. Oltre alla persona Perugia rimane orfana della sua passione, della sua competenza e delle sue capacità”. 

Dalla presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, riceviamo e pubblichiamo:

Sergio Piazzoli era la musica. Tutta la sua vita è stata musica.

La sua morte, così tragica ed improvvisa, provoca in me un sentimento di sgomento, un dolore profondo, difficile da raccontare, come è ogni dolore che ci avvolge quando si perde una persona molto cara. E Sergio era una persona molto cara per tantissimi perugini ed umbri. Pensare ora che Sergio Piazzoli sia morto è un pensiero che fa a cazzotti con la sua straordinaria, immensa forza che la sua vita ha sempre comunicato, contagiando chiunque veniva a contatto con lui. In questo momento così triste voglio partecipare il mio cordoglio personale e quello di tutta la Giunta regionale alla sua compagna Patrizia ed ai suo familiari, trasmettendo loro la nostra più affettuosa vicinanza.

L’ho conosciuto molti anni fa e rimasi colpita dalla creatività di Sergio Piazzoli, dalla sua enorme capacità di coinvolgere gli altri nei suoi progetti di eventi che volevano diffondere la musica perché attraverso essa – questo era il suo intimo convincimento, il leitmotiv della sua vita di “mestierante dello spettacolo”, come amava definirsi – si produceva cultura e producendo cultura si muoveva l’economia. Insomma amava lo spettacolo non fine  a se stesso, bensì quale  veicolo che conteneva in sé la visione di un mondo di pace e di conoscenza. Una visione della cultura che Sergio non ha mai voluto abbandonare, anche in tempi difficili quando c’era chi nel nostro Paese teorizzava che “con la cultura non si mangiava”. La storia della sua vita è la più grande prova del contrario di quell’assunto che non abbiamo mai voluto condividere. Soprattutto qui, in Umbria, a Perugia.

La sua vita è stata una “fucina”, dalla quale sono nati eventi che hanno segnato la storia musicale e culturale della sua città, Perugia, e di tutta la nostra regione. Ricordiamo il suo sfrenato orgoglio quando riportò ad Umbria Jazz il mitico gruppo musicale americano dei REM che lui stesso aveva portato per la prima volta, venti anni prima, a Rockin’Umbria. Sarebbe lunghissimo l’elenco dei grandi artisti che Sergio è riuscito a portare da noi, da Bruce Springsteen a Bod Dylan, a Patty Smith, da Vasco Rossi a Vinicio Capossela, suo grande amico. E voglio anche ricordare il suo ruolo in Umbria Jazz, evento cui ha offerto la sua preziosa collaborazione. E la fondazione della sua impresa, Musical Box Eventi. Fino all’ultima sua creatura, Music for Sunset.

Spesso, di recente, con lui discutevamo della necessità di dare a Perugia un luogo degno e adeguato, un auditorium, per celebrare la grande musica. Era il suo vero cruccio il pensiero che la città ancora non avesse il suo “palazzo della musica”. Ebbene, dobbiamo considerare questo l’impegno che ciascuno di noi, che abbiamo responsabilità di governo a vari livelli, deve saper onorare per ricordare la figura di Sergio Piazzoli: dare a Perugia il suo auditorium!

“Con Sergio Piazzoli scompare improvvisamente e tragicamente un grande amico e un grande promotore di cultura, una presenza costante, professionale e appassionata nel panorama degli eventi culturali dell’Umbria, un conoscitore competente ed entusiasta della musica, che ha saputo organizzare e promuovere in festivals momorabili, aperti alla novità degli orizzonti, alle sfide e alle sperimentazioni della modernità”. Lo ha detto l’assessore regionale alla cultura della Regione Umbria Fabrizio Bracco. “Sergio – ha aggiunto – ci manca e ci mancherà, la sua scomparsa è stata per tutti noi, che stamani lo aspettavamo per la presentazione di UmbriaLibri e la Festa di Radio 3, al cui allestimento aveva partecipato con la consueta generosità, un evento davvero traumatico”.

Franco Ruggieri (Teatro Stabile dell’Umbria): “E’ venuto a mancare prematuramente Sergio Piazzoli, appassionato protagonista della vita culturale di Perugia e dell’Umbria, molto stimato in tutto l’ambiente musicale. Ha arricchito per tanti anni le nostre città con la presenza dei più importanti protagonisti della scena musicale, presentando sui palcoscenici umbri i migliori artisti italiani e di calibro internazionale. Ci mancherà molto il suo entusiasmo, la sua vivacità e la sua grande generosità”.

Isola del Libro Trasimeno: “La morte di Sergio Piazzoli ci lascia affranti e sgomenti. L’Umbria, il Trasimeno e Isola Maggiore perdono una importantissima figura di riferimento.” “La morte di Sergio Piazzoli ci lascia affranti e sgomenti. L’Umbria, il Trasimeno e Isola Maggiore perdono una importantissima figura di riferimento del mondo della cultura e della musica”. Italo Marri, a nome di tutti i soci fondatori e dei collaboratori dell’associazione Isola del Libro Trasimeno, esprime “il più profondo cordoglio e vicinanza alla famiglia e agli amici di Sergio”

Giacomo Leonelli (PD Umbra): C’è chi impiega la propria vita a fare vibrare le corde delle emozioni degli altri. Sono i musicisti dell’anima e Perugia e l’Umbria hanno appena perduto il suo. Ci consola la certezza che i segni della sua presenza continueranno a vivere non soltanto nella memoria ma nella cultura intima e profonda di questa nostra terra. Ciao Sergio, grazie per avere regalato musica e bellezza con generosità e visionarietà”. 

Patrizia Cerimonia (sindaco di Tuoro sul Trasimeno): “Apprendiamo con sgomento la sconcertante notizia della prematura scomparsa dell’amico Sergio Piazzoli. Personaggio notissimo nel mondo della cultura e dello spettacolo umbro, avevamo avuto l’enorme fortuna che si innamorasse della suggestività del paesaggio dell’Isola Maggiore e qui trascorresse tanto tempo nella splendida abitazione ristrutturata. Sergio era diventato uno di noi, anzi per l’esattezza era diventato un “ISOLANO”, fiero di esserlo e l’Isola era diventato il palcoscenico naturale della sua ultima creatura, “Music for sunset”, che con il suo calendario ricco di eventi e personaggi aveva richiamato  migliaia di spettatori incantati dalle note struggenti e dal tramonto isolano. E’ stata una delle prime persone che io, appena eletta Sindaco e l’assessore alla cultura, Giovanni Jacopo Tofanetti, abbiamo incontrato per mettere a punto gli ultimi dettagli dell’edizione 2014 di music for sunset che avrebbe preso il via il prossimo 18 giugno. Desidero esprimere pubblicamente profondo cordoglio a nome personale, dell’Assessore alla cultura Tofanetti e dell’intera amministrazione comunale insediatasi di recente per la perdita di un caro amico e di un prezioso collaboratore”.

Walter Verini (PD): “C’è una terribile casualitá nella quasi contemporanea scomparsa di Sergio Piazzoli e la sconfitta storica della Sinistra a Perugia. Sergio, come viene da tutti ricordato, è stata l’anima di decenni di eventi e cultura musicale, che – con lui – hanno visto protagonisti gli enti locali e migliaia e migliaia di giovani. Una stagione lunga e straordinaria, probabilmente irripetibile. Se Perugia e l’Umbria, in tutti questi anni, grazie ad una politica culturale intelligente di chi ha governato hanno potuto vivere momenti intensi e magici, con il meglio della produzione musicale, è stato anche perché ci sono state persone come Sergio Piazzoli, che hanno messo competenza passione, anima per le cose belle che sono un grande patrimonio collettivo. Per quanto mi riguarda, non riuscirò a cancellare dalla memoria le cose fatte insieme, soprattutto nella mia Città di Castello. Dalla e gli Area di Demetrio Stratos, Finardi e Morandi, Paoli e De Gregori: sono solo alcuni sprazzi di memoria di cose belle che Sergio ci ha regalato”

Claudio Ricci (Sindaco di Assisi): “Molti come me, oggi, quando hanno appreso che Sergio Piazzoli ha lasciato la “musica terrena” per ascendere a più alte armonie, hanno pianto per aver perso un amico e l’uomo dei sogni e delle speranze. Tanti di noi hanno sognato e sperato, partecipando ai suoi concerti, molti hanno incontrato la persona della propria vita, altri hanno conosciuto artisti, vissuto emozioni insieme e fabbricato ricordi per loro stessi, per gli altri e per le loro città. É stato un pioniere per la musica italiana ed ha lavorato sempre mettendo al primo posto, oltre che gli ottimi risultati manageriali, la passione per la musica, la generosità verso tutti noi, la forza di credere che, con le risonanze interiori generate dalla musica, si può sempre costruire una via di luce e speranza. Oltre che la sua lungimirante professionalità di organizzatore e promotore culturale ci rimarranno, per sempre nel ricordo, i suoi occhi, di autentica sincerità, e il suo sorriso, amichevole e generoso, segno di un cuore grande che ora “palpiterà per sempre” negli spazi cosmici avvolti  dalla musica celestiale. Ciao Sergio e Grazie”.

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

COMMENTI ALL'ARTICOLO

DISCLAIMER - La redazione di Perugia Online non effettua alcuna censura dei commenti, i quali sono sottoposti ad approvazione preventiva solo per evitare ingiurie, diffamazioni e qualsiasi altro messaggio che violi le leggi vigenti. Siete pregati di non inserire commenti anonimi e di non ripetere più volte lo stesso commento in attesa di moderazione. Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile civilmente e penalmente del suo contenuto. Perugia Online si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia commento che manifesti toni, espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi. I commenti scritti su Perugia Online vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (IP, E-Mail, etc.). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Perugia Online non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.
Scroll To Top