giovedì, 23 maggio 2019 Ultimo aggiornamento il 21 maggio 2019 alle ore 21:02

Rifiuti Valnestore, la Lega attiva la Commissione bicamerale sugli ecoreati

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

L'esposto inviato dal senatore Stefano Candiani è solo l'ultimo atto di una triste vicenda. Il partito: "Quadro devastante, serve monitoraggio serio".

 
Rifiuti Valnestore, la Lega attiva la Commissione bicamerale sugli ecoreati
Regione Umbria. Il senatore della Lega Nord e segretario per l’Umbria Stefano Candiani ha inviato al presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati (Alessandro Bratti, PD) un esposto riguardante “lo smaltimento illecito di rifiuti nella Valnestore”.

La “Valle dei Fuochi” – Candiani parla di una “situazione grave che si è venuta a creare nel luogo, tristemente portato alla ribalta dai giornali degli ultimi mesi come la Valle dei fuochi”. È solo l’ultimo atto di una triste vicenda nata a seguito delle segnalazioni di un privato cittadino e proseguita con inchieste giornalistiche, interrogazioni in sede regionale e parlamentare ad opera dei diversi partiti e un sopralluogo da parte della competente Commissione consiliare. Una situazione su cui la magistratura sta tuttora indagando.

 

Le aree di indagine – “L’ipotesi – scrive Candiani – è quella di un disastro ambientale nell’area della ex centrale a lignite di Pietrafitta, piccola frazione del comune di Piegaro”. Nel documento inviato alla  Commissione, che ripercorre in dettaglio l’intera vicenda, il senatore chiede di indagare in tre direzioni: 1) utilizzo delle ceneri per coprire i rifiuti: “Le testimonianze raccolte raccontano come i camion della nettezza urbana dei Comuni andassero regolarmente a scaricare rifiuti nelle discariche adibite alle ceneri”; 2) autorizzazioni all’arrivo di ceneri da carbone della centrale Enel di La Spezia “che si sospetta possano avere più alte concentrazioni di isotopi radioattivi”; 3) valutazione delle conseguenze sulla salute della popolazione residente “tenuto conto che, da un primo studio, risulta in aumento il tasso di incidenza e mortalità delle patologie oncologiche, tanto da collocare l’area al vertice dei dati regionali, nonostante le caratteristiche rurali del territorio”.

 

La posizione del partito – Sul tema sono intervenuti anche i consiglieri regionali della Lega Nord Umbria, Emanuele Fiorini e Valerio Mancini“Adesso non ci sono più alibi – dicono – gli enti regionali e locali preposti al controllo e al monitoraggio dovranno spiegare cosa hanno fatto fino ad ora. Qui la questione non è politica, perché la salute dei cittadini è qualcosa che riguarda tutti. Quello che emerge dal punto di vista ambientale è un quadro devastante e la gente muore di tumore con una incidenza da non sottovalutare. Vogliamo sapere dal Partito Democratico che nomina i vertici degli organi di controllo se Asl e Arpa sono in grado di fare monitoraggio serio, vista la gravità della situazione che sta emergendo ora”.

 

Tag dell'articolo: , , , , , , .

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

COMMENTI ALL'ARTICOLO

DISCLAIMER - La redazione di Perugia Online non effettua alcuna censura dei commenti, i quali sono sottoposti ad approvazione preventiva solo per evitare ingiurie, diffamazioni e qualsiasi altro messaggio che violi le leggi vigenti. Siete pregati di non inserire commenti anonimi e di non ripetere più volte lo stesso commento in attesa di moderazione. Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile civilmente e penalmente del suo contenuto. Perugia Online si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia commento che manifesti toni, espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi. I commenti scritti su Perugia Online vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (IP, E-Mail, etc.). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Perugia Online non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.
Scroll To Top