venerdì, 9 dicembre 2022 Ultimo aggiornamento il 28 novembre 2022 alle ore 01:03

Sottrazione di minore, da sette anni in attesa di giustizia

Daniele Ubaldi

Daniele Ubaldi

Direttore responsabile di Perugia Online.

La storia di Michele Rossi uguale a quella di tanti genitori. La madre di sua figlia lascia l'Italia portando con sé la bambina senza il consenso del padre, per il quale comincia il calvario della legge italiana. Che incentiva a delinquere.

 
Sottrazione di minore, da sette anni in attesa di giustizia
Sottrazione di minore, da oltre sette anni in attesa di giustizia. E’ la storia di un uomo, come ce ne sono purtroppo tanti, vittima del sistema giudiziario italiano. Michele Rossi, tifernate, sette anni fa – senza che gli fosse chiesto alcun consenso – ha visto la madre di sua figlia lasciare l’Italia portando con sé la bambina. Da allora è cominciato il calvario: “Ho presentato regolare denuncia – racconta Rossi – ma il mio caso è stato continuamente rimandato. Le forze dell’ordine non hanno fatto altro che constatare che mia figlia non era più residente a Città di Castello, mentre la procura di Perugia di Perugia, nonostante le varie istanze presentate dal mio avvocato, ha continuamente procrastinato la discussione”.

Finalmente, lo scorso 14 novembre il caso è approdato in tribunale, che però ha rinviato l’udienza al prossimo giugno. Facile immaginare la frustrazione di questo padre che, al pari di tanti altri suoi colleghi, si trova impossibilitato ad ottenere giustizia tramite una legge differita, che non considera i tempi, gli affetti e i legami umani. “E’ inutile dire – conferma il genitore – che sono alquanto deluso dalla legge italiana. Che senso avrebbe, ottenere giustizia a distanza di dieci o anche quindici anni, quando mia figlia sarà divenuta una donna e il reato in sé sarà ormai del tutto decontestualizzato? Non vedo alcun senso in tutto ciò che mi è capitato, di fatto la mia storia è un incentivo a delinquere, a sottrarre i figli ai genitori tanto poi non succede niente”.

Tag dell'articolo: , , , , .

Daniele Ubaldi

Daniele Ubaldi

Direttore responsabile di Perugia Online.

COMMENTI ALL'ARTICOLO

DISCLAIMER - La redazione di Perugia Online non effettua alcuna censura dei commenti, i quali sono sottoposti ad approvazione preventiva solo per evitare ingiurie, diffamazioni e qualsiasi altro messaggio che violi le leggi vigenti. Siete pregati di non inserire commenti anonimi e di non ripetere più volte lo stesso commento in attesa di moderazione. Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile civilmente e penalmente del suo contenuto. Perugia Online si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia commento che manifesti toni, espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi. I commenti scritti su Perugia Online vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (IP, E-Mail, etc.). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Perugia Online non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.
Scroll To Top