lunedì, 25 ottobre 2021 Ultimo aggiornamento il 4 ottobre 2021 alle ore 16:18

Gubbio, riqualificazione dell’ex Ospedale civile: c’è l’intesa tra Regione, Comune e Usl

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

Dalla Regione un finanziamento di 3 milioni di euro. I locali saranno ristrutturati e utilizzati dall'Usl Umbria 1. Tutto il piano nel dettaglio

 
Gubbio, riqualificazione dell’ex Ospedale civile: c’è l’intesa tra Regione, Comune e Usl
Regione Umbria.  Promuovere iniziative per la riqualificazione dell’area interessata dal Puc2 (Programma urbano complesso) “Nova civitas” del Comune di Gubbio e al fine del riutilizzo dell’ex Ospedale civile di Gubbio: è questa la finalità del protocollo d’intesa che verrà sottoscritto fra Regione Umbria, Comune di Gubbio e l’azienda Usl Umbria 1, il cui schema è stato approvato dalla Giunta regionale.

L’accordo – Le parti concordano sulla necessità di riavviare il processo di riqualificazione nell’area ricompresa nel Puc2, anche in relazione agli ulteriori orientamenti maturati dal Comune rispetto al programma iniziale, per realizzare opere ed infrastrutture ritenute fondamentali per lo sviluppo del territorio eugubino. L’ipotesi di riuso del complesso dell’ex ospedale, che si compone di più edifici realizzati in epoche diverse e con differenti caratteristiche strutturali, prevede la ristrutturazione ed adeguamento della parte del plesso ospedaliero che rimane in uso all’Usl Umbria 1 (con tre immobili rispettivamente di mq 3.280, mq 1.017 e mq 434); l’alienazione di un immobile di mq 3.970, con mq 600 spazi interrati; la locazione degli spazi attualmente in uso alla Farmacia Comunale (mq 145). Nelle porzioni che restano di proprietà dell’Usl saranno collocate le attività del Centro di salute, il Dipartimento di prevenzione, ambulatori polifunzionali e agli uffici direzionali. È previsto poi il trasferimento del Dipartimento di salute mentale attualmente situato presso il centro direzionale “Prato”, in via Ubaldi. In questo modo, si potrà mantenere un presidio sanitario, di proprietà pubblica, in un immobile di pregio nel centro di Gubbio; l’accentramento in un’unica struttura delle principali attività territoriali di carattere socio-sanitario, inoltre, produrrebbe un miglioramento dell’offerta dei servizi sanitari, nel rispetto della programmazione regionale, realizzando la prevista “Città della salute”.

I fondi – La Regione Umbria ha destinato a questo intervento un finanziamento di 3 milioni di euro. Con l’intesa, Regione Umbria e Comune di Gubbio si impegnano ad inserire le opere necessarie per l’ultimazione del Puc2 nell’ambito delle rispettive prossime programmazioni pluriennali. In particolare, la Regione Umbria conferma gli impegni già assunti di mantenere a favore del Comune lo stanziamento di circa 1 milione e 300mila euro per interventi di edilizia residenziale e di reperire, nell’ambito della programmazione 2014-2020, ulteriori 5 milioni e 260mila euro per finanziare le opere pubbliche e le attività produttive. Le parti si impegnano inoltre a ricercare modalità alternative per la realizzazione delle opere anche al fine di reperire le risorse necessarie ricorrendo tra l’altro al supporto delle competenze della finanziaria regionale Gepafin.

Tag dell'articolo: , , , , .

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

COMMENTI ALL'ARTICOLO

DISCLAIMER - La redazione di Perugia Online non effettua alcuna censura dei commenti, i quali sono sottoposti ad approvazione preventiva solo per evitare ingiurie, diffamazioni e qualsiasi altro messaggio che violi le leggi vigenti. Siete pregati di non inserire commenti anonimi e di non ripetere più volte lo stesso commento in attesa di moderazione. Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile civilmente e penalmente del suo contenuto. Perugia Online si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia commento che manifesti toni, espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi. I commenti scritti su Perugia Online vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (IP, E-Mail, etc.). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Perugia Online non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.
Scroll To Top