mercoledì, 21 agosto 2019 Ultimo aggiornamento il 18 agosto 2019 alle ore 15:15

“I ricordi del fiume”: la città a pochi passi dalla città

Ieri al Postmodernissimo la proiezione de “I ricordi del fiume”, il film- documetario di Gianluca e Massimiliano De Serio, che rimarrà in programmazione ancora per tutta la settimana prossima.

 
“I ricordi del fiume”: la città a pochi passi dalla città
Perugia.

“I ricordi del fiume” è il documentario che racconta i mesi precedenti alla demolizione del Platz, una delle baraccopoli più grandi d’ Europa, sulle rive del fiume Stura, a Torino.

I due registi, Gianluca e Massimiliano De Serio, che hanno sempre vissuto a trecento metri da questo luogo, hanno deciso di inoltrarvisi per raccontare la vita della comunità della baraccopoli, poco prima della sua demolizione.

“Il motore che ha mosso il progetto – dice Gianluca – è la volontà di lasciare il ricordo di un mondo, che da lì a poco, sarebbe svanito. Un atto d’ amore verso gli abitanti di quella piccola città dentro la città”.

I due fratelli hanno voluto aprire una finestra su questo posto misterioso, e tanto discusso, diviso da Torino solamente da una tangenziale ma, allo stesso tempo, estremamente lontano.

Gli abitanti del Platz vengono ripresi in ogni momento della propria quotidianità, durante i pasti, i momenti di preghiera, la festa e durante la notte.

La telecamera si limita a filmare senza alcuna intenzione ideologica, passa lentamente per le vie, entra nelle case e segue, in silenzio, lo svolgersi naturale della vita all’ interno della baraccopoli.

La cifra stilistica del documentario risiede, infatti, nella totale invisibilità della macchina e di chi vi sta dietro: l’assenza di qualsiasi interazione con la camera provoca, quindi, l’assoluta spontaneità di immagini e sequenze.

Una naturalezza che è stata cercata e ottenuta con il lavoro di un anno e mezzo dell’intera troupe, che è riuscita pian piano ad entrare in confidenza con gli abitanti del Platz, inoltrandosi, in punta piedi, dentro la loro vita quotidiana fino a diventare una presenza consueta: “Sin da subito abbiamo cercato di trasmettere loro il nostro intento, di fare un progetto insieme, di lasciarli un ricordo filmato della loro vita in quel luogo”.

Un processo lento che ha portato ad una totale sinergia tra l’occhio che filma e chi viene filmato, una sinergia che fa di questo documentario un prodotto di estrema eleganza, in totale antitesi rispetto al degrado della baraccopoli, che sembra, tuttavia, assumere un aspetto quasi fiabesco, in virtù della totale naturalezza con cui lo spettatore è invitato a muoversi all’ interno di questa città alla periferia delle nostre città.

 

Tag dell'articolo: , , , , , , .

COMMENTI ALL'ARTICOLO

DISCLAIMER - La redazione di Perugia Online non effettua alcuna censura dei commenti, i quali sono sottoposti ad approvazione preventiva solo per evitare ingiurie, diffamazioni e qualsiasi altro messaggio che violi le leggi vigenti. Siete pregati di non inserire commenti anonimi e di non ripetere più volte lo stesso commento in attesa di moderazione. Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile civilmente e penalmente del suo contenuto. Perugia Online si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia commento che manifesti toni, espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi. I commenti scritti su Perugia Online vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (IP, E-Mail, etc.). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Perugia Online non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.
Scroll To Top