venerdì, 9 dicembre 2022 Ultimo aggiornamento il 28 novembre 2022 alle ore 01:03

Imprese e giovani, il negozio che fa affari coi retro games

Si chiama Arcade Club ed è una realtà unica nel Centro Italia. Oltre al commercio di videogiochi vintage offre libero accesso ai propri cabinati.

 
Imprese e giovani, il negozio che fa affari coi retro games
Perugia. All’interno del panorama cosiddetto nerd si possono trovare esempi virtuosi. Uno di questi – una bella storia di piccola imprenditorialità giovanile – è l’Arcade Club: nato nell’ottobre 2014, il negozio rappresenta una realtà unica nella nostra città e in tutto il Centro Italia, trattando videogiochi usati e cabinati da bar, molti dei quali d’annata.

L’origine – Il nome deriva da una preesistente associazione di appassionati di retro games, che si riuniva periodicamente per condividere la propria passione. Uno dei membri, Federico Alunni Milani, 25 anni, utilizzando i risparmi ottenuti in anni di duro lavoro dietro ai banconi dei mercatini delle pulci, è riuscito finalmente a realizzare un suo vecchio pallino.

Le traversie burocratiche – Certo, non è stato semplice: Federico non ha avuto accesso ad alcun contributo pubblico e ha dovuto fronteggiare numerose complicazioni burocratiche e fiscali che hanno ritardato l’inaugurazione del negozio di diversi mesi. In particolare, l’acquisto e l’installazione di vecchi cabinati (cioè i grossi videogiochi a gettoni) ha costituito un notevole problema per l’apertura della struttura. Come ci racconta lui stesso: “Quando parlavo agli uffici comunali di una sala giochi, pensavano tutti volessi realizzare una sala slot”.

Attività e serate a tema – Ad ogni modo, i problemi sono stati superati e il negozio, che conta sul lavoro di Federico e di un commesso, ha acquisito in breve tempo un’ottima reputazione tra gli appassionati e un buon giro d’affari (basato su vendite e scambi di articoli del valore medio di poche decine di euro, che avvengono sia fisicamente sia online). Non solo, i cabinati di cui sopra costituiscono il fiore all’occhiello dell’attività e sono l’oggetto principale delle numerose serate a tema, che coinvolgono settimanalmente decine di persone (molti dei membri della preesistente associazione più nuovi giocatori attratti dal passaparola). Serate, è bene dirlo, che non hanno scopo di lucro, ma di intrattenimento, dato che i partecipanti non pagano i gettoni ma si limitano a versare un contributo volontario per le spese di elettricità e manutenzione degli apparecchi.

Fiducia è la parola chiave – Fondamentale per il successo dell’attività, ci spiega Federico, è il rapporto di fiducia che si è instaurato con i clienti: “Io non cerco mai di truffarli, quando ad esempio mi presentano articoli gli mostro sempre i valori di riferimento sui cataloghi online e offro per l’acquisto la metà del suddetto: questo vale a maggior ragione per gli articoli più rari e preziosi, e so per certo che non tutti quelli che lavorano nel settore seguono questo modus operandi”.

Cosa accadrà in futuro – In ogni caso, per Federico si tratta di un sogno realizzato, anche se lui pensa già al futuro: “Se le cose continueranno ad andare bene, mi piacerebbe aprire delle filiali in altre città vicine”. Bizantinismi burocratici permettendo.

Tag dell'articolo: , , , , , .

COMMENTI ALL'ARTICOLO

DISCLAIMER - La redazione di Perugia Online non effettua alcuna censura dei commenti, i quali sono sottoposti ad approvazione preventiva solo per evitare ingiurie, diffamazioni e qualsiasi altro messaggio che violi le leggi vigenti. Siete pregati di non inserire commenti anonimi e di non ripetere più volte lo stesso commento in attesa di moderazione. Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile civilmente e penalmente del suo contenuto. Perugia Online si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia commento che manifesti toni, espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi. I commenti scritti su Perugia Online vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (IP, E-Mail, etc.). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Perugia Online non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.
Scroll To Top