venerdì, 9 dicembre 2022 Ultimo aggiornamento il 28 novembre 2022 alle ore 01:03

Nuovo incontro sul futuro della “Perugina”, Rsu e sindacati avvertono: “No alle fughe in avanti di Nestlé”

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

Sul tavolo il progetto relativo al rilancio della confiserie: "Non accettiamo l'idea che 60 milioni di investimenti possano essere irrilevanti rispetto ai livelli occupazionali". A giorni l'assemblea con i lavoratori.

 
Nuovo incontro sul futuro della “Perugina”, Rsu e sindacati avvertono: “No alle fughe in avanti di Nestlé”
Perugia. Si è tenuto ieri l’incontro in Confindustria tra Nestlé e sindacato sulla verifica dell’Accordo del 7 aprile 2016 con un focus specifico sul progetto di rilancio della confiserie: nuovi codici e nuova rete vendita per rendere competitivo questo settore in un mercato che comunque tiene, un nuovo assetto tecnologico in fabbrica per aumentare produttività e qualità delle produzioni. “Insomma – si legge nella nota di Flai Cgil, Fai Cisl, Uila Uil Umbria e Rsu Perugina – una nuova gestione della confiserie che dovrà rappresentare un ennesima vetrina del valore aggiunto del marchio Perugina. Inoltre, dopo vari rinvii finalmente la Nestlé ha ufficializzato il contratto di fornitura alla Froneri dei biscotti per il Maxibon della durata di tre anni e con un iniziale quantitativo di circa 930 tonnellate”.

Continua il buon andamento del Bacio e delle tavolette, sia sul mercato interno che sull’export, purtroppo sull‘export l’aumento del 44% non si traduce in volumi importanti, tali da assicurare un conseguente aumento produttivo. Il piano quindi va avanti e segue la sua logica di rilancio e rafforzamento del brand Bacio e Perugina.
Al tavolo la Nestlé ha presentato, richiamando le linee guide dell’accordo del 7 aprile, così come concordate e condivise dalle parti, un progetto di riassetto organizzativo degli organici, entrando nel merito dei numeri in maniera unilaterale. “Definendo quindi una strategia a nostro avviso frettolosa e controproducente. Una fuga in avanti, perché ad un anno dal termine dell’accordo è prematuro parlare di numeri, controproducente perché si tradisce lo spirito e il contenuto dell’accordo che parla di condivisione e step di verifiche continui. E proprio per questo spirito di concertazione e riaffermando l’impianto dell’accordo, abbiamo preteso come sindacato in maniera unitaria un verbale di riunione che ricomponga questa spinta in avanti della Nestlé nel solco dell’accordo, recuperando anche in questo frangente il ruolo primario della Commissione bilaterale, che finora ha gestito il piano di investimenti tecnologici in fabbrica”.

“La scelta di valorizzare il nostro ruolo di protagonista, in questa preoccupante fase della vita della nostra fabbrica, è figlia di una consapevolezza mai negata del problema esuberi (non a caso negli ultimi 5 anni abbiamo sempre fatto uso di ammortizzatori sociali), rispetto al quale però l’accordo del 7 aprile doveva e deve essere, a nostro avviso, ancora un valido strumento alternativo, che nulla ha a che fare con la frettolosa soluzione che ha presentato l’azienda. Non accettiamo numeri preordinati, lo sforzo comune deve rendere questa fabbrica competitiva ed efficiente, non accettiamo l’idea che 60 milioni di investimenti possano essere irrilevanti rispetto ai livelli occupazionali; questa fabbrica ha bisogno di volumi e nuove produzioni”. Questa fase verrà gestita quindi dai sindacati “senza faciloneria e con una coerenza che ci ha sempre contraddistinto, e sapremo anche in questo frangente rispondere alla multinazionale sfidandola piuttosto che subendone le scelte unilaterali.
In considerazione dell’esito dell’incontro e del momento delicato, i sindacati e la Rsu Perugina organizzeranno a strettissimo giro un’assemblea con i lavoratori per approfondire le questioni emerse”.

Tag dell'articolo: , .

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

COMMENTI ALL'ARTICOLO

DISCLAIMER - La redazione di Perugia Online non effettua alcuna censura dei commenti, i quali sono sottoposti ad approvazione preventiva solo per evitare ingiurie, diffamazioni e qualsiasi altro messaggio che violi le leggi vigenti. Siete pregati di non inserire commenti anonimi e di non ripetere più volte lo stesso commento in attesa di moderazione. Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile civilmente e penalmente del suo contenuto. Perugia Online si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia commento che manifesti toni, espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi. I commenti scritti su Perugia Online vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (IP, E-Mail, etc.). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Perugia Online non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.
Scroll To Top