lunedì, 18 ottobre 2021 Ultimo aggiornamento il 4 ottobre 2021 alle ore 16:18

Sequestrato il tesoro del bandito

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

Polizia e Guarida di finanza tolgono tre immobili - tra cui una villa con piscina, un terreno edificabile e un'impresa edile - dalla disponibilità di un pluripregiudicato residente a Trevi. Banda della Magliana e Marsigliesi le sue frequentazioni

 

Importante operazione messa a segno a Trevi, dalla divisione anticrimine della Questura e dal Gico della Guardia di Finanza in materia di lotta alla criminalità organizzata. La sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Perugia, accogliendo la proposta avanzata dal questore, ha disposto la confisca di tre immobili, un terreno ed una impresa edile appartenenti ad un pluripregiudicato, per un valore complessivo di circa 700mila euro. La decisione è maturata tenuto conto della pericolosità sociale del criminale, che certamente poteva permettersi un tenore di vita così alto grazie ad una “carriera” durata ben 46 anni, con 66 condanne definitive maturate soltanto dal 1996 ad oggi, mentre altri procedimenti sono ancora in attesa di giudizio.
Inoltre, sempre con riguardo alla pericolosità del soggetto, legata anche alla sua “vicinanza” attuale e pregressa ad ambienti criminali, il Tribunale ha disposto sottoporre il pregiudicato alla misura di prevenzione personale della sorveglianza speciale, per un periodo di cinque anni, disponendo l’obbligo di soggiorno nel Comune di residenza, appunto Trevi. La misura restrittiva si è resa necessaria a seguito della conclamata recidività del soggetto, che nel corso degli anni non ha mai mostrato segnali di ravvedimento, ma anzi ha ripreso a delinquere non appena ne ha avuta l’opportunità.
Lunga, infatti, è la lista dei reati collezionati in quasi 50 anni di attività criminale: si va dalle truffe agli stupefacenti, dalle rapine al porto abusivo di armi, tutte “attività” messe in atto nel Centro e Nord Italia. In particolare, l’uomo è stato vicino alla malavita romana degli anni di piombo, compresa la “Banda della Magliana” (rapporti stretti con “Renatino” De Pedis, capo della banda, e con l’altrettanto noto Enrico Nicoletti ed il faccendiere Flavio Carboni), mentre negli Ottanta ha frequentato i Marsigliesi tra la Francia e San Remo.
La complessa attività di indagine, portata avanti per oltre un anno, è stata eseguita in stretta sinergia operativa tra gli uomini della Questura e quelli della Guardia di Finanza di Perugia: i primi hanno ricostruito l’intero profilo criminale del soggetto, i secondi ne hanno ricostruito nel tempo l’intero assetto economico, reddituale e patrimoniale, sia personale sia dei componenti del nucleo familiare convivente. Tali attività hanno permesso di cristallizzare una sperequazione tra i redditi dichiarati, l’attività economica svolta ed il patrimonio acquisito nel tempo di cui il medesimo non ha saputo giustificare la legittima provenienza.
La confisca ha avuto per oggetto tre fabbricati di pregio con annessa piscina ed un terreno a Trevi, fittiziamente intestati ad un familiare, nonché un’attività edile costituita nel 1998. Gli immobili sono stati assegnati all’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, che ne prevedrà il riutilizzo sociale attraverso l’assegnazione alle forze dell’ordine ovvero a quei soggetti – associazioni, cooperative, Comuni, Province e Regioni – in grado di restituirli alla cittadinanza, tramite servizi, attività di promozione sociale e lavoro.

Tag dell'articolo: , , , , , , .

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

COMMENTI ALL'ARTICOLO

DISCLAIMER - La redazione di Perugia Online non effettua alcuna censura dei commenti, i quali sono sottoposti ad approvazione preventiva solo per evitare ingiurie, diffamazioni e qualsiasi altro messaggio che violi le leggi vigenti. Siete pregati di non inserire commenti anonimi e di non ripetere più volte lo stesso commento in attesa di moderazione. Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile civilmente e penalmente del suo contenuto. Perugia Online si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia commento che manifesti toni, espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi. I commenti scritti su Perugia Online vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (IP, E-Mail, etc.). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Perugia Online non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.
Scroll To Top