giovedì, 13 agosto 2020 Ultimo aggiornamento il 7 agosto 2020 alle ore 10:40

Umbria: l’Inps conferma il dato negativo del mercato del lavoro nel 2016

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

Negativi i numeri sull'impiego nella regione nel periodo compreso tra gennaio e luglio. Bravi (Ires Cgil): "Crollo dei contratti a tempo indeterminato. Aumenta solo la precarietà estrema con circa 1 milione e mezzo di voucher".

 
Umbria: l’Inps conferma il dato negativo del mercato del lavoro nel 2016
Regione Umbria.  “I dati recentissimi dell’Osservatorio nazionale sul precariato dell’Inps confermano il giudizio più che negativo sull’andamento del mercato del lavoro nella nostra regione. Infatti, nel periodo preso in esame, gennaio-luglio 2016, si conferma il crollo dei contratti a tempo indeterminato. Nei primi 7 mesi del 2016 si riducono del 44,8% rispetto al 2015”. A parlare è il presidente Ires della Cgil dell’Umbria Mario Bravi che in una nota ha analizzato la situazione. “I voucher schizzano a quota 1.430.904 con un +71,4% rispetto al 2014. Nel dettaglio ci  sono state nella regione 7.072 assunzioni a tempo indeterminato, 25.443 a termine, 2.671 con contratto di apprendistato e 1.976 con contratto stagionale: complessivamente 37.162 unità (-11,7% rispetto allo stesso periodo del 2015). Per quanto riguarda le cessazioni ammontano a 30.252 unità (di cui 10.247 a tempo indeterminato, 1.339 con contratti di apprendistato, 17.605 con contratti a termine e 1.061 stagionali)”.

La differenza tra cessazioni e attivazioni (6.910 unità), fa notare Bravi, è rappresentata “sostanzialmente solo dall’aumento esponenziale dei voucher e dei contratti segnati da precarietà estrema. Questi dati evidenziano in maniera chiara tutti i limiti e gli errori strutturali delle politiche del lavoro messe in campo dal governo Renzi, il prevedibile fallimento del Jobs Act e la necessità improcrastinabile di scelte economiche alternative. L’Italia e l’Umbria hanno bisogno di un vero Piano del Lavoro, così come la Cgil, a livello nazionale e regionale, ha più volte proposto e rilanciato, anche recentemente, il 13 settembre scorso”.

Tag dell'articolo: , , , .

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

COMMENTI ALL'ARTICOLO

DISCLAIMER - La redazione di Perugia Online non effettua alcuna censura dei commenti, i quali sono sottoposti ad approvazione preventiva solo per evitare ingiurie, diffamazioni e qualsiasi altro messaggio che violi le leggi vigenti. Siete pregati di non inserire commenti anonimi e di non ripetere più volte lo stesso commento in attesa di moderazione. Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile civilmente e penalmente del suo contenuto. Perugia Online si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia commento che manifesti toni, espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi. I commenti scritti su Perugia Online vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (IP, E-Mail, etc.). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Perugia Online non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.
Scroll To Top