sabato, 10 dicembre 2022 Ultimo aggiornamento il 28 novembre 2022 alle ore 01:03

Concerto per i 40 anni di Radio Subasio, tutti promossi

Emittente, artisti, presentatori, tecnici, pubblico, organizzazione: una bella serata di musica trascorre senza particolari problemi in un'atmosfera straordinaria. Perugia si conferma adatta ai grandi eventi.

 
Concerto per i 40 anni di Radio Subasio, tutti promossi
Perugia. Si conclude con un grandissimo successo sotto tutti i fronti il concerto per i 40 anni di attività di Radio Subasio. Tre ore e mezzo di grande spettacolo in cui i perugini hanno potuto vedere esibirsi dal vivo i grandi nomi della musica italiana.

Il concerto – In un’atmosfera fantastica (con tutto il centro e la fontana illuminati), per nulla rovinata dalla leggera pioggia finale, si sono alternati sul palco Max Pezzali, Benji & Fede, Alessandra Amoroso, Fiorella Mannoia, Enrico Ruggeri, Roberto Vecchioni, Francesco Renga, gli Zero Assoluto, Francesco Gabbani, i Tiromancino, Ron, Michele Zarrillo, Alex Britti, Lorenzo Fragola e gli Stadio, introdotti dai presentatori Enrico Papi e Claudia Gerini, sempre sul pezzo ed estremamente coinvolgenti nei confronti del pubblico. Una piccola delusione solo riguardo al fantomatico “ospite internazionale”, che diverse voci di stampa avevano preannunciato nei giorni scorsi e che non si è invece materializzato.

Momenti significativi – Tra i momenti più emozionanti della serata: il minuto di silenzio iniziale come auspicio di pace universale; il duetto Mannoia-Ruggeri per “Quello che le donne non dicono” in versione unplugged; la dichiarazione pro-musica italiana da parte di Vecchioni; il ricordo di Lucio Dalla offerto da Ron e dagli Stadio, grandi amici dell’indimenticato cantautore bolognese. Tra i momenti per così dire “simpatici” invece: il continuo tormentone “Mooseca”, ripetuto dai conduttori e dal pubblico (citazione/presa in giro del Papi di qualche anno fa, quando conduceva Sarabanda); l’imbarazzata intervista della Gerini al compagno Federico Zampagliene, leader dei Tiromancino; l’annuncio dal palco di una ragazza 17enne smarrita (o più probabilmente scappata) dai genitori a concerto in corso.

Il pubblico – Nonostante il tempo incerto, il centro di Perugia si è letteralmente riempito di persone. Impossibile quantificarne correttamente il numero, probabilmente siamo sulle diverse decine di migliaia. Un pubblico estremamente eterogeneo, composto di giovani e meno giovani, residenti e visitatori, tutti estremamente civili ed educati. L’unico problema è stata la quantità di rifiuti lasciata da una così grande massa di gente, ma era tutto preventivato: una “squadra speciale” si è messa al lavoro – su input del Comune – già da stamattina per ripulire l’acropoli.

L’organizzazione – Molto buona anche l’organizzazione. Le transenne poste in vari punti di accesso a corso Vannucci e piazza IV Novembre e presidiate dalla polizia locale hanno causato qualche brontolio da parte dei presenti, ma hanno in definitiva permesso di “spalmare” il consistente pubblico in più punti del centro storico, senza tuttavia scontentare nessuno (data la presenza in loco di diversi maxischermi che permettevano di godersi comunque il concerto). Le numerose ambulanze hanno infine permesso il fulmineo soccorso dei casi di malore verificatisi (una decina in tutto, tutti risoltisi prontamente e senza conseguenze).

Tag dell'articolo: , , , , .

COMMENTI ALL'ARTICOLO

DISCLAIMER - La redazione di Perugia Online non effettua alcuna censura dei commenti, i quali sono sottoposti ad approvazione preventiva solo per evitare ingiurie, diffamazioni e qualsiasi altro messaggio che violi le leggi vigenti. Siete pregati di non inserire commenti anonimi e di non ripetere più volte lo stesso commento in attesa di moderazione. Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile civilmente e penalmente del suo contenuto. Perugia Online si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia commento che manifesti toni, espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi. I commenti scritti su Perugia Online vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (IP, E-Mail, etc.). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Perugia Online non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.
Scroll To Top