venerdì, 19 luglio 2024 Ultimo aggiornamento il 18 luglio 2024 alle ore 12:10

I sindacati umbri pronti alla mobilitazione generale in difesa di Ast e dell’industria

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

Bene la visita di Renzi, ma i sindacati chiedono atti concreti contro il “piano di smantellamento” di Thyssen, in assenza dei quali, entro i primi 10 giorni di settembre, scatterà la mobilitazione generale

 
I sindacati umbri pronti alla mobilitazione generale in difesa di Ast e dell’industria
Todi. L’Umbria è pronta alla mobilitazione generale a sostegno della battaglia dei lavoratori di Ast. La visita annunciata dal premier Renzi a Terni nel mese di agosto è un segnale positivo, ma insufficiente, secondo i sindacati umbri, che chiedono invece atti concreti contro il “piano di smantellamento” di Thyssen, in assenza dei quali, entro i primi 10 giorni di settembre, scatterà la mobilitazione generale.

L’allarme dei sindacati. Non poteva che partire dall’emergenza Ast il confronto che Cgil, Cisl e Uil dell’Umbria hanno tenuto questa mattina, 29 luglio, presso l’Europalace hotel di Todi. Un’assemblea regionale, aperta dal segretario generale della Cisl dell’Umbria, Ulderico Sbarra, nella quale i tre sindacati hanno riunito le proprie strutture per rilanciare la “vertenza Umbria”, una risposta concreta alla sempre più evidente e generalizzata emergenza lavoro che colpisce l’Umbria.

I numeri ribaditi nel corso del dibattito sono sempre più allarmanti: 51mila disoccupati, 23mila scoraggiati, 70mila rapporti di lavoro fortemente precari e ancora 12mila cassaintegrati in deroga senza alcuna forma di reddito da gennaio.

A questo – come osservato da Claudio Bendini, segretario generale della Uil dell’Umbria – si aggiunge una sofferenza particolare dei giovani, che rispetto al resto d’Italia trovano con maggiore difficoltà lavori adeguati al proprio livello di istruzione. E questo ha ripercussioni pesanti anche sulle loro aspettative.

In un contesto così delicato, come detto, si inserisce la vertenza Ast che per dimensioni e significato è centrale per l’Umbria e per l’Italia. Un’azienda che con i suoi 2,4 miliardi di fatturato produce da sola circa il 20% del Pil regionale e che arriva a coprire il 40% dell’export.

“Possiamo e dobbiamo lavorare su una grande mobilitazione unitaria contro la deindustrializzazione dell’Umbria – ha detto Mario Bravi, segretario generale della Cgil regionale – coinvolgendo i tre segretari nazionali di Cgil, Cisl e Uil Camusso, Bonanni e Angeletti, per chiedere al governo di svolgere veramente un ruolo in Europa e a Confindustria (unica associazione datoriale assente all’incontro di lunedì con i sindacati a Terni, ndr) di uscire dal silenzio nel quale finora è rimasta”.

Naturalmente, accanto all’emergenza industriale ed in particolare alla vertenza Ast, nel dibattito di Cgil, Cisl e Uil dell’Umbria e nella piattaforma unitaria che sostiene la vertenza dei sindacati, trovano spazio anche altre questioni fondamentali come quelle di fisco e previdenza. Modificare radicalmente la riforma Fornero, rendere più equo il prelievo fiscale su lavoro e pensioni attraverso una battaglia serrata all’evasione, rendere strutturale ed estendere ai pensionati e agli incapienti il bonus degli ottanta euro, garantire il diritto al reddito dei cassaintegrati: questi alcuni dei punti fondamentali alla base della piattaforma di Cgil, Cisl e Uil e che nelle ultime settimane sono al centro delle assemblee che si stanno svolgendo nei luoghi di lavoro e tra i pensionati.

“Il nostro compito, il compito del sindacato è quello di far cambiare marcia e priorità al paese – ha detto nelle sue conclusioni Annamaria Furlan, segretaria generale aggiunto della Cisl nazionale – dall’inizio della crisi abbiamo perso 25 punti di produzione e ogni punto di produzione ha bisogno mediamente di due anni per essere recuperato: dunque, se non si danno scosse all’economia, se non si cambia marcia, dovremo aspettare 50 anni per tornare al 2007 e questo è inaccettabile”. “Avanti con le assemblee nei posti di lavoro – ha concluso Furlan – perché difendere il diritto all’interlocuzione e al confronto tra i governi a tutti i livelli e le organizzazioni sindacali, con i loro 11 milioni di iscritti, significa lavorare per un paese che abbia un futuro di maggiore eguaglianza e solidarietà”.

Tag dell'articolo: , , , , , , , , .

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

COMMENTI ALL'ARTICOLO

DISCLAIMER - La redazione di Perugia Online non effettua alcuna censura dei commenti, i quali sono sottoposti ad approvazione preventiva solo per evitare ingiurie, diffamazioni e qualsiasi altro messaggio che violi le leggi vigenti. Siete pregati di non inserire commenti anonimi e di non ripetere più volte lo stesso commento in attesa di moderazione. Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile civilmente e penalmente del suo contenuto. Perugia Online si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia commento che manifesti toni, espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi. I commenti scritti su Perugia Online vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (IP, E-Mail, etc.). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Perugia Online non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.
Scroll To Top