sabato, 22 settembre 2018 Ultimo aggiornamento il 17 settembre 2018 alle ore 17:37

‘L’Accademia fuori dall’Accademia’

Curata da Vittorio Sgarbi, la mostra ‘Da Raffaello a Canova, da Valadier a Balla. L’arte in cento capolavori dell’Accademia Nazionale di San Luca’ ospiterà i visitatori a palazzo Baldeschi e a palazzo Lippi Alessandri fino al 30 settembre.

 
Perugia.  ‘L’Accademia fuori dall’Accademia’. Così, il ritratto di una graziosa e misteriosa Bianca Bocchi, figlia del pittore Amedeo, che la ritrae, intorno al 1923, dentro una gonna verde con motivi floreali e con in mano una teiera, può uscire dall’angusto confine dei depositi di una delle più prestigiose istituzioni italiane per l’insegnamento e la promozione del patrimonio artistico, la romana Accademia Nazionale di San Luca, per essere resa fruibile all’osservatore che, fino al prossimo 30 settembre, vorrà visitare le prestigiose sedi della mostra ‘Da Raffaello a Canova, da Valadier a Balla. L’arte in cento capolavori dell’Accademia Nazionale di San Luca’, allestita, in corso Vannucci a Perugia, a palazzo Baldeschi e a palazzo Lippi Alessandri, e curata da Vittorio Sgarbi (orari: martedì-giovedì, 15.30-19.00; venerdì-domenica, 10.30-13.30, 15.00-19.00. Info e prenotazioni: 075-5734760; palazzobaldeschi@fondazionecariperugiaarte.it). Oltre al ritratto di Bianca Bocchi, novantanove altri capolavori, fra dipinti, sculture, disegni architettonici, bozzetti preparatori, di mano, fra gli altri, di Raffaello, Bronzino, Guercino, Rubens, Pietro da Cortona, Wicar, Hayez, Canova, Valadier e Balla, disposti su di una linea del tempo che raccorda preziose opere, esposte in senso cronologico e con rigore filologico, uscite dalle botteghe e dagli ateliers fra il Cinquecento e il Novecento e proveniente, tutte, dall’Accademia Nazionale di San Luca di Roma, dialogando attivamente con la Collezione Marabottini di palazzo Baldeschi e con alcune creazioni di storiche istituzioni perugine, come l’Accademia di Belle Arti Pietro Vannucci. L’Associazione Forte di Bard ha recentemente presentato tali opere nella sua sede in Valle d’Aosta, dopo averle sistematizzate, anche grazie al sostegno per la ristrutturazione dei depositi dell’Accademia promosso dalla Fondazione CariPerugia Arte.

‘L’Accademia fuori dall’Accademia’, dunque: un’idea, questa, che era stata elaborata dal pittore bresciano, attivo a Roma, Girolamo Muziano – non è un caso che il seicentesco Ritratto di Girolamo Muziano, attribuito a Giuseppe Ghezzi, sia stato collocato ad apertura della mostra –, che ha convertito negli anni Settanta del Cinquecento l’eredità delle Università nella prima accademia romana del disegno, dapprima nella chiesa di San Luca e poi al Foro Romano, sino alla fondazione dell’istituzione da parte di Federico Zuccari nel 1593. Il curatore, Vittorio Sgarbi, nel saggio da lui redatto per il catalogo della mostra, editato da Fabrizio Fabbri, ha affermato «Mi sono chiamato – a curare una mostra per portare fuori dai depositi cento capolavori dell’Accademia di San Luca (n.d.r.) –, agitando l’idea presso gli amici del Forte di Bard in Valle d’Aosta, consigliere Gabriele Accornero, di far conoscere l’imponente collezione in una antologia ricca e sorprendente, fuori di Roma, e con una puntuale e rinnovata catalogazione (…). Le nobili sale dei palazzi Lippi Alessandri e Baldeschi a Perugia accolgono ora, in ordinata sequenza, alcune pitture e sculture, tanto notevoli quanto poco viste, della gloriosa Accademia di San Luca che, a Roma, ne espone con stabile selezione in luminose sale espositive insufficienti a contenere il numero esorbitante di opere conservate nei depositi. Doni di investitura, di Principi e di Accademici, come Pietro da Cortona (che riproduce i Baccanali di Tiziano, e progetta la chiesa di San Luca e Martina di cui resta la maquette lignea), Maratti, Angelika Kauffmann, Canova e Thorvaldsen. E anche notevoli lasciti di Accademici, perché gli allievi imparino. Con provenienza da collezioni illustri come quella dei Barberini e del Barone Lazzaroni con rare problematiche tavole (…)».

Il percorso espositivo, in dodici sale, prende avvio, a palazzo Baldeschi, con il ‘Modello architettonico della chiesa dei Santi Luca e Martina’ al Foro Romano, realizzato in gesso e legno su scala 1:50. Seguono altre sale, fra cui quella dei Quattro Elementi, con il Ritratto di Girolamo Muziano di Giuseppe Ghezzi, che rende omaggio al fondatore dell’Accademia nel 1577, e il Putto reggifestone, rara testimonianza della pittura a fresco di Raffaello, che presenta punte di affinità con quello che affianca il Profesta Isaia dipinto dal maestro urbinate negli anni Dieci del Cinquecento nella chiesa romana di Sant’Agostino. Due opere del Bronzino, fra le altre, campeggiano nella Sala della Sapienza: il Sant’Andrea e il San Bartolomeo, eseguite per la pala d’altare della chiesa Madonna delle Grazie a Pisa e rimossa negli anni Ottanta del XVI secolo e vendute nel 1821 all’Accademia di San Luca dal pittore neoclassico Vincenzo Camuccini. Restituisce una eco dei Baccanali di Tiziano, il Bacco ed Arianna di Pietro da Cortona esposto nella Sala della Verità, mentre, nella Sala delle Muse, Le ninfe che incoronano la dea dell’abbondanza, opera di Peter Paul Rubens del 1622, raffigurano delle donne che incoronano una terza compagna, al centro, connotata da una cornucopia. Negli ultimi tre spazi espositivi di palazzo Baldeschi, la Sala di Diana ed Endimione, la Sala dell’Architettura e il Salone degli Stemmi, una selezione di opere dell’arte seicentesca romana e napoletana e non solo, e dei capolavori dell’arte neoclassica: da Loth e le figlie dell’austriaco Daniel Seiter, dalla luce quasi caravaggesca, alla planimetrica del progetto di sistemazione di piazza del Popolo, che reca la firma di Giuseppe Valadier, al Giaele uccide Sisara di Carlo Maratti, caposcuola a Roma della pittura di impostazione classicistica.

A Palazzo Lippi Alessandri, protagonisti i secoli XIX e XX: la seconda parte del percorso espositivo si apre con il Ritratto di Giuseppe Valadier eseguito da Jean-Baptiste Wicar, in una ‘tela da imperatore’. Lo sguardo del visitatore, poi, catalizza la sua attenzione, ad esempio, sull’Ulisse alla corte di Alcinoo di Francesco Hayez, sull’autoritratto Primi e ultimi pensieri di Giacomo Balla, in cui l’artista futurista accosta il proprio volto con quello di un autoritratto della figlia Elica, e sul ritratto di Bianca, la già citata figlia di Amedeo Bocchi, immortalata, alla stregua del Balla, in una dimensione domestica.

Nonostante tale intimità, tutt’altro che ‘rassicurante’ quando si tratta di capolavori di raro pregio come questi, l’arte resta, come sosteneva Leo Longanesi, «un incidente dal quale non si esce mai illesi».

 

Tag dell'articolo: , , , , , , , .

COMMENTI ALL'ARTICOLO

DISCLAIMER - La redazione di Perugia Online non effettua alcuna censura dei commenti, i quali sono sottoposti ad approvazione preventiva solo per evitare ingiurie, diffamazioni e qualsiasi altro messaggio che violi le leggi vigenti. Siete pregati di non inserire commenti anonimi e di non ripetere più volte lo stesso commento in attesa di moderazione. Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile civilmente e penalmente del suo contenuto. Perugia Online si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia commento che manifesti toni, espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi. I commenti scritti su Perugia Online vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (IP, E-Mail, etc.). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Perugia Online non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.
Scroll To Top