giovedì, 14 dicembre 2017 Ultimo aggiornamento il 13 dicembre 2017 alle ore 14:55

Alto Tevere, continua a perseguitare l’ex coniuge: arrestato 48enne

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

La donna si era rivolta ai carabinieri in seguito ai numerosi atti persecutori messi in atto dall'uomo, già finito in manette a dicembre.

 
Alto Tevere, continua a perseguitare l’ex coniuge: arrestato 48enne
Città di Castello.  Un cittadino italiano 48enne, residente in Alto Tevere, è stato sottoposto agli arresti domiciliari dai Carabinieri di San Giustino a seguito di ordinanza di misura cautelare emessa dal GIP di Perugia, su richiesta della locale Procura della Repubblica, per atti persecutori nei confronti della coniuge dalla quale è separato.

L’uomo, già nel dicembre dello scorso anno, era stato arrestato in flagranza dai Carabinieri sempre per il reato di atti persecutori nei confronti della medesima donna a seguito della quale, in sede di udienza di convalida, il GIP del Tribunale di Perugia disponeva nei confronti dello stesso la misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa.

Si sperava che, in seguito a tale misura cautelare, la situazione di conflitto e tensione tra i due ex coniugi potesse volgere al meglio e senza ulteriori strascichi; ma ciò non è avvenuto.

Infatti, nel mese di settembre u.s., la donna sporgeva un’ulteriore querela con la quale riferiva che l’uomo aveva ripreso a tenere nei suoi confronti condotte simili a quelle in precedenza segnalate. In particolare, la donna lamentava che l’ex coniuge, nonostante il citato divieto di avvicinamento, aveva più volte cercato di avvicinarsi e di parlarle, nonché di averla seguita in auto o bicicletta, facendole notare la sua presenza. Inoltre, citava un episodio che destava particolare allarme, allorquando riferiva che, nel mese di agosto del corrente anno, mentre era a bordo della sua autovettura, notava venire in direzione opposta l’uomo che, giunto all’altezza della sua auto, lanciava un sasso contro il mezzo, danneggiandolo.

A tanto, il Giudice per le Indagini Preliminari, su concorde richiesta della Procura di Perugia, anche a seguito delle risultanze fornite dall’Arma di San Giustino, ha ritenuto congrua ed adeguata l’emissione della misura cautelare degli arresti domiciliari, ritenendo non più efficace la precedente misura del divieto di avvicinamento.

Tag dell'articolo: , .

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

COMMENTI ALL'ARTICOLO

DISCLAIMER - La redazione di Perugia Online non effettua alcuna censura dei commenti, i quali sono sottoposti ad approvazione preventiva solo per evitare ingiurie, diffamazioni e qualsiasi altro messaggio che violi le leggi vigenti. Siete pregati di non inserire commenti anonimi e di non ripetere più volte lo stesso commento in attesa di moderazione. Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile civilmente e penalmente del suo contenuto. Perugia Online si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia commento che manifesti toni, espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi. I commenti scritti su Perugia Online vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (IP, E-Mail, etc.). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Perugia Online non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.
Scroll To Top