lunedì, 15 luglio 2024 Ultimo aggiornamento il 14 luglio 2024 alle ore 09:37

Lavoro: dai dati del Ministero del Lavoro un’altra doccia fredda per l’Umbria

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

Nell'ultimo trimestre 2016 il saldo tra persone che hanno attivato un rapporto di lavoro e quelle che lo hanno cessato è negativo per quasi 10mila unità.

 
Lavoro: dai dati del Ministero del Lavoro un’altra doccia fredda per l’Umbria
Regione Umbria. “I dati recenti dell’Inps (Osservatorio Nazionale sul Precariato) ci hanno confermato che il lavoro che esiste (o resiste) in Umbria è sempre più precario e senza tutele, infatti, nei primi 2 mesi del 2017 solo 934 delle attivazioni effettuate (6.216 in totale) sono state a tempo indeterminato”. A parlare sono la Segreteria Regionale Cgil Umbria Giuliana Renelli e il Presidente Ires Cgil Umbria Mario Bravi. “C’è un altro dato però, elaborato dal Ministero del Lavoro, che desta ulteriore preoccupazione: nel corso del IV trimestre 2016 in Umbria sono stati attivati 32.555 rapporti di lavoro, che corrispondono (e qui sta l’elemento in più rispetto ai dati Inps) a 23.435 persone fisiche che hanno attivato almeno un rapporto. Ebbene, il confronto con lo stesso periodo del 2015 è a dir poco impietoso: se infatti, a livello di rapporti di lavoro attivati si è registrato un preoccupante – 6,1% (dato comunque inferiore alla media nazionale, -7,2%), a livello di persone fisiche che hanno avviato un rapporto di lavoro la flessione sale ad un -10,1%, dato che supera di oltre un punto percentuale la media nazionale (-9%)”.

Nello stesso periodo, le cessazioni sono state 41.943 in Umbria per quanto riguarda i rapporti di lavoro, mentre le persone che hanno visto cessare il proprio rapporto di lavoro sono state 32.171. Basta un semplice calcolo, dunque, per capire quanto lavoro sia andato bruciato nel corso del 2016: la differenza tra lavoratori entrati in nuovi rapporti e quelli che ne hanno invece visto la cessazione sfiora le 10mila unità in negativo (-9.736 unità per l’esattezza). “Questo spiega il dato sull’aumento degli inattivi e il calo degli occupati nella nostra regione e mette in evidenza, come sottolineato più volte dalla Cgil, la necessità di politiche per lo sviluppo e di investimenti che possano generare buona e stabile occupazione”.

unnamed

unnamed

 

Tag dell'articolo: , , .

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

COMMENTI ALL'ARTICOLO

DISCLAIMER - La redazione di Perugia Online non effettua alcuna censura dei commenti, i quali sono sottoposti ad approvazione preventiva solo per evitare ingiurie, diffamazioni e qualsiasi altro messaggio che violi le leggi vigenti. Siete pregati di non inserire commenti anonimi e di non ripetere più volte lo stesso commento in attesa di moderazione. Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile civilmente e penalmente del suo contenuto. Perugia Online si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia commento che manifesti toni, espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi. I commenti scritti su Perugia Online vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (IP, E-Mail, etc.). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Perugia Online non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.
Scroll To Top