venerdì, 17 settembre 2021 Ultimo aggiornamento il 9 settembre 2021 alle ore 14:27

Politiche sociali, Casciari: “Da Regione Umbria circa 4 milioni e 500 mila euro a sostegno della famiglia”

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

La vicepresidente della Regione Umbria ha illustrato nel dettaglio, in conferenza stampa, la situazione di disagio in cui versa quasi il 40% delle famiglie umbre. Nel 2013 oltre 217 milioni di euro investiti dall'Ente nel Sociale

 
Regione Umbria. Circa 4 milioni e 500 mila euro per la seconda tranche di azioni a favore della famiglia. La cifra, stanziata dalla Regione Umbria, è stata resa pubblica questa mattina (20 gennaio) dal vicepresidente della Regione Umbria, con delega al Welfare, Carla Casciari, la quale ha precisato che 3 dei 4 milioni e mezzo sono risorse regionali cui si vanno ad aggiungere 1 milione e 500 mila euro di finanziamenti comunitari nell’ambito dell’ex ‘Fas’ – ora ‘Fsc’. Il totale degli interventi promossi nel 2013 dalla Regione in ambito sociale è di oltre 17 milioni di euro, con particolare riguardo nei confronti delle politiche familiari. “L’attenzione alle esigenze dei nuclei familiari – ha detto la Casciari – è ancor più necessaria oggi, a causa dell’aggravarsi della crisi economica che delinea uno scenario diversificato della situazione che le persone vivono con un numero sempre più elevato di famiglie fragili, che rischiano di scivolare nel disagio conclamato, così come famiglie di fascia sociale intermedia, per una riduzione o perdita di reddito in seguito alla crisi economica, oggi costituiscono l’insorgente emergenza sociale”.

Un disagio dal quale l’Umbria, purtroppo, no è esente, come dimostrano i dati Istat secondo cui nel giro di quattro anni (2007-2011) i nuclei in difficoltà sono passati dal 29 al 39% del totale delle famiglie umbre. “Una percentuale – ha commentato il vicepresidente – che, tenendo conto dell’andamento economico, purtroppo è destinata a crescere”.

Oltre quattromila sono stati gli interventi di sostegno alle famiglie realizzati dalla Regione tra il 2011 e il 2013, grazie ai precedenti avvisi pubblicati dalle Zone sociali. Di questi, circa 57% hanno riguardato giovani famiglie composte da italiani, “che  nella normalità – ha detto la Casciari – non accedono ai servizi standard e che hanno potuto fruire di un sostegno economico immediato compreso tra i 300 e mille euro”. Tra le motivazioni che hanno spinto la famiglia a presentare domanda di sostegno, in forma prioritaria (47 per cento dei casi) è emerso l’ingresso dei figli nel mondo dell’istruzione, il 36 per cento ha fatto richiesta per una riduzione del reddito, l’11 per cento per la nascita di figli, il 10 per cento a causa di malattie, il 6 per cento per problemi di alloggio, il 4 per cento per scomposizione del nucleo familiare, il 2 per cento per non autosufficienza di un componente del nucleo familiare.

Tag dell'articolo: , , , , .

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

COMMENTI ALL'ARTICOLO

DISCLAIMER - La redazione di Perugia Online non effettua alcuna censura dei commenti, i quali sono sottoposti ad approvazione preventiva solo per evitare ingiurie, diffamazioni e qualsiasi altro messaggio che violi le leggi vigenti. Siete pregati di non inserire commenti anonimi e di non ripetere più volte lo stesso commento in attesa di moderazione. Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile civilmente e penalmente del suo contenuto. Perugia Online si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia commento che manifesti toni, espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi. I commenti scritti su Perugia Online vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (IP, E-Mail, etc.). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Perugia Online non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.
Scroll To Top