giovedì, 14 dicembre 2017 Ultimo aggiornamento il 13 dicembre 2017 alle ore 14:55

Benvenuti nell’era post Edm

Il filone più controverso della storia dell'industria discografica.

 
Benvenuti nell’era post Edm
Quello Edm, ovvero l’Electronic dance music, è forse il movimento che ha fatto più discutere nella storia della musica leggera; sì, musica leggera, non mi limito a contestualizzarla solo nel filone Dance (da cui è partito). Dal 2011 al 2016 ha macinato numeri da capogiro, ha attirato numerosissimi fan ed altrettanti critici o “haters”, per utilizzare un termine più cool.

Ma per analizzare bene l’Edm prima di tutto è necessario valutarne la portata “artistica” (si fa per dire) e di come questa abbia influenzato migliaia, se non milioni, di clubbers, producers e DJs nel mondo; a livello strettamente musicale la Big Room (altro nome per definire questo genere, forse quello più tecnico) è caratterizzata da strutture molto simili tra loro, con bassi pieni e casse molto marcate, drop spaccamascella e ritornello per far alzare le mani; quest’ultimo è il tratto distintivo dei DJ set degli artisti di questo filone. Non la selezione musicale; non la tecnica di DJing; non l’immedesimazione artistica; semplicemente far alzare le mani e il girare qualche fader a ca…saccio.

Fare una valutazione artistica della Big Room risulta abbastanza complesso, non tanto per le sue varie sfumature stilistiche, piuttosto per la pochezza musicale. Non è un caso che nel corso degli anni sia stata oggetto di varie parodie.
Tuttavia i numeri hanno sempre dato ragione a questa deriva discografica; festival su festival, serate sempre sold out, cachet altissimi e una schiera di giovani artisti pronti a tutto pur di vedere la loro track pre-confezionata sulle maggiori label di settore.

Come tutte le bolle però poi qualcosa si inceppa; nel 2016 la SFX Entertainment inizia le procedure di fallimento. La società che deteneva la proprietà di Beatport, organizzava il Tomorrowland e che si era sempre identificata con il sound Edm è in difficoltà economica, fatto che, per un genere che si era sempre contraddistinto per il suo taglio di musica elettronica fatta per le grandi vendite, ha fatto sorgere più di qualche dubbio sulla capacità di rinnovamento di un movimento che aveva sempre mostrato delle debolezze a livello di fondamenta. Tant’è che molti artisti hanno iniziato a prenderne le distanze.

Ma è fuori dubbio che questo filone abbia scavato un solco imponente nel modo di pensare e produrre musica rispetto al passato. Un doping discografico che ha definitivamente creato l’ibrido pop/dance, allo stesso livello dei peggiori mostri dei b-movie horror americani degli anni ‘70/’80.
Tantissime le cause che hanno portato al diffondersi dell’Edm: dalla facilità di accesso alle tecnologie per la produzione musicale alla ricerca spasmodica del pezzo che funziona, fino alla superficialità nell’approccio di molti ragazzi al mondo artistico, visto più come un elefantiaco gratta e vinci che come un’effettiva professione basata sulla condivisione e sulla vendita della propria arte.

Tutte sfumature che in seguito avremo modo di analizzare insieme.

Tag dell'articolo: , , , , , , , .

COMMENTI ALL'ARTICOLO

DISCLAIMER - La redazione di Perugia Online non effettua alcuna censura dei commenti, i quali sono sottoposti ad approvazione preventiva solo per evitare ingiurie, diffamazioni e qualsiasi altro messaggio che violi le leggi vigenti. Siete pregati di non inserire commenti anonimi e di non ripetere più volte lo stesso commento in attesa di moderazione. Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile civilmente e penalmente del suo contenuto. Perugia Online si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia commento che manifesti toni, espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi. I commenti scritti su Perugia Online vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (IP, E-Mail, etc.). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Perugia Online non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.
Scroll To Top