sabato, 10 dicembre 2022 Ultimo aggiornamento il 28 novembre 2022 alle ore 01:03

Perugia: cresce il gioco d’azzardo?

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

 
Perugia: cresce il gioco d’azzardo?
Perugia. Il fenomeno della ludopatia in Italia e anche a Perugia ed in Umbria è in costante aumento. Si calcola che a livello nazionale siano in 800.000 a soffrire di forme più o meno gravi di dipendenza dal gioco d’azzardo. Nella nostra regione le stime parlano di 10.000 persone, addirittura il 5,6 per cento (cifra di molto al di sopra purtroppo alla media nazionale che si attesta al già elevato 3,2%) della popolazione fra i 15 e i 74 anni con una netta maggioranza di uomini,  con problemi legati a questa patologia. La spesa totale nel corso del 2015 è stata stimata in 1.029 milioni di euro nella sola Umbria. Di questa torta, la fetta del 59% è stato ad appannaggio di slot machine ed altri apparecchi elettronici.

Per fortuna il fenomeno non è più invisibile ad istituzioni e mass media e l’attenzione al problema è in costante crescita. La Regione ha già programmato una nuova campagna di sensibilizzazione che partirà a Settembre.  “Umbria No Slot”, questo il nome dell’iniziativa preceduta da un vero e proprio concorso per scegliere le mie migliori proposte creative, è soltanto un ulteriore step da parte dell’amministrazione regionale di trovare soluzioni al problema dopo essere stata una delle prime regioni in Italia a dotarsi di un regolamento sulla questione oltre anche a predisporre l’attivazione di un numero verde, 800 410 902, a cui rivolgersi per richiedere assistenza e aiuto. Inoltre nella città di Foligno presso il Dipartimento dipendenze della Usl Umbria 2 è stato creato il centro di riferimento regionale per il trattamento della dipendenza da gioco d’azzardo con operatori sanitari ed anche volontari che hanno ricevuto una formazione ad hoc tramite un corso per occuparsi del problema specifico.

Anche nel capoluogo a Perugia si moltiplicano iniziative ed incontri per trovare possibili soluzioni al problema. Ad esempio una delle più importanti associazioni dei consumatori a livello nazionale, il Codacons, ha aperto nella propria sede in via Fabio Filzi 18 un vero e proprio sportello per dare informazioni e assistenza alle persone colpite da ludopatia e alle loro famiglie oltre che suggerire le strutture sanitarie qualificate per risolvere il problema alla radice.

Molte associazioni come Libera, Borgo Sant’Antonio e la Società di mutuo soccorso di Perugia lo scorso dicembre hanno anche organizzato una manifestazione presidio per protestare contro l’annunciata apertura di una nuova sala slot a Porta Pesa, vicino ad una scuola elementare ed altri luoghi sensibili. “Non azzardatevi” è stato il riuscitissimo slogan con cui è stata lanciato l’appello a manifestare.

Per comprendere ancora meglio ancora meglio le dimensioni del problema, dobbiamo evidenziare come siano gli stessi operatori del gioco d’azzardo online a promuovere misure per non far andare oltre i loro utenti. Unibet ad esempio, oltre a fissare limiti nei versamenti e la possibilità di autoesclusione dai giochi, propone un test di autovalutazione sul proprio modo di giocare sottolineando come sia importante monitorare le abitudini di gioco. In questo modo si può tenere sotto controllo ogni problema prima che sfugga di mano cosa che, visti i numeri, sembra capitare purtroppo con eccessiva frequenza.

Tag dell'articolo: , , , .

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

COMMENTI ALL'ARTICOLO

DISCLAIMER - La redazione di Perugia Online non effettua alcuna censura dei commenti, i quali sono sottoposti ad approvazione preventiva solo per evitare ingiurie, diffamazioni e qualsiasi altro messaggio che violi le leggi vigenti. Siete pregati di non inserire commenti anonimi e di non ripetere più volte lo stesso commento in attesa di moderazione. Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile civilmente e penalmente del suo contenuto. Perugia Online si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia commento che manifesti toni, espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi. I commenti scritti su Perugia Online vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (IP, E-Mail, etc.). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Perugia Online non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.
Scroll To Top