lunedì, 18 ottobre 2021 Ultimo aggiornamento il 4 ottobre 2021 alle ore 16:18

Carceri, 500 mila euro dalla Regione Umbria per l’inclusione sociale e lavorativa

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

Sul tema si è tenuto il tavolo interistituzionale regionale, che rappresenta la task-force di tutti i soggetti impegnati nel percorso di inclusione socio-lavorativa dei detenuti

 
Regione Umbria. 500 mila euro per l’inclusione sociale e lavorativa delle persone sottoposte ad esecuzione penale, compresa l’area minorile. A tanto ammontano le risorse messe a disposizione dalla Regione Umbria per la nuova programmazione, che ha come obiettivo quello di recuperare le persone soggette a regime detentivo. La vicepresidente della Regione Umbria con delega al Welfare e all’Istruzione, Carla Casciari, ha convocato il tavolo interistituzionale regionale che rappresenta una task force tra le diverse amministrazioni impegnate nel percorso di inclusione socio-lavorativa dei detenuti. Erano presenti, oltre all’assessore Casciari, rappresentanti degli Assessorati regionali allo Sviluppo economico e alla Sicurezza e Polizia locale, del Provveditorato dell’Amministrazione penitenziaria per l’Umbria, del Dipartimento per la Giustizia minorile-Ufficio di Servizio sociale per i minorenni di Perugia, della Province di Perugia, dell’Anci, dell’Ufficio della Consigliera regionale di parità.

La vicepresidente ha ricordato che “la detenzione ha un senso se finalizzata al reinserimento sociale e lavorativo delle persone recluse. Di conseguenza è fondamentale che, durante il periodo di detenzione, venga acquisito un bagaglio di esperienze da spendere in seguito, nel mondo del lavoro”.

Nella precedente programmazione, con i 580 mila euro messi a disposizione, la Provincia di Perugia ha realizzato 4 progetti che hanno coinvolto 185 detenuti, di cui 75 reclusi nella Casa circondariale di Capanne (31 donne e 44 uomini), 100 della Casa di reclusione di Spoleto, 10 soggetti in capo all’Ufficio per l’esecuzione penale esterna. Un’esperienza positiva che è stata oggetto di un focus specifico in occasione del Comitato di Sorveglianza del “Por Fse” Umbria, tenutosi la scorsa estate su richiesta della Commissione europea, la quale ha segnalato le iniziative tra le “buone prassi” sperimentate.

“Nel 2013 – ha concluso la Casciari – l’Ufficio di servizio sociale per i minorenni dell’Umbria ha preso in carico 499 giovani denunciati a piede libero, di cui il 36 per cento ultradiciottenni mentre il 30 per cento prossimi a compiere la maggiore età”.

Tag dell'articolo: , , , , , .

Redazione Perugia Online

Redazione Perugia Online

Perugia Online nasce nel gennaio 2014. Racconta fatti e notizie inerenti la vita del capoluogo e del suo territorio, cercando di orientare il lettore da una prospettiva "dietro" la notizia, per trovare un senso a ci? che a volte, senso, sembra non averlo.

COMMENTI ALL'ARTICOLO

DISCLAIMER - La redazione di Perugia Online non effettua alcuna censura dei commenti, i quali sono sottoposti ad approvazione preventiva solo per evitare ingiurie, diffamazioni e qualsiasi altro messaggio che violi le leggi vigenti. Siete pregati di non inserire commenti anonimi e di non ripetere più volte lo stesso commento in attesa di moderazione. Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile civilmente e penalmente del suo contenuto. Perugia Online si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia commento che manifesti toni, espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi. I commenti scritti su Perugia Online vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (IP, E-Mail, etc.). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Perugia Online non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.
Scroll To Top